venerdì 25 dicembre 2015

NATALE 2015

 

 

domenica 25 dicembre 2005

Natale 2005

Giornata nuvolosa ma non fredda, 10° giorno e notte. Come tutti gli anni le crassule fioriscono con i loro fiori a campanella color corallo, qui è il fiore natalizio, la mia stella di Natale. 



Anche l'aloe arborea inizia a fare la sua spiga, ma ci vorrà ancora un mese per vederla fiorita, anche lei di color corallo, poi verso marzo fiorirà l'aloe vera, con fiorellini giallo arancio. Sono proprio le piante succulente (o grasse, nome non molto adatto) a fiorire nei mesi invernali e rallegrare il giardino.


Vado a festeggiare l'inizio dell'anno a Barcaggio, nell'estremo nord della Corsica, non so se da li potrò aggiornare il blog, ma all'Epifania sarò certo di ritorno... Il cenone con gli amici corsi è la prima cosa che mi è venuta in mente al risveglio dall'anestesia, ho pensato che il dolore era più sopportabile con un pensiero del genere in testa!
Quindi come usa laggiù, PACE E SALUTE a tutti voi e a presto

  0 commenti 



Grazie Antonio per gli auguri, li condivido con gli Amicidellortodue.
Angelo
 

lunedì 14 dicembre 2015

CAROTE EMIGRANTI

Carote ed Emigranti 

di Angelo Passalacqua

Una storia di contadini di sessanta e più anni fa, famiglie troppo numerose in cui i figli dovevano emigrare in cerca di lavoro e pane, partivano da paesi come Irsina, Gravina, Montemilone per cercare fortuna in Francia, Belgio, Germania.


Giovanni era rimasto a casa, aveva solo otto anni nel 1955, il fratello Antonio era partito per la Germania. Come molti altri emigranti, faceva la "formica", cercava di risparmiare il più possibile per inviare i soldi a casa, anche mangiando cibi poveri come cipolle o carote foraggere...

Non faceva più il contadino, ma lo era ancora dentro, assieme ai soldi mandava anche semi.

  
Anche Giovanni non ha fatto il contadino, è andato a lavorare in fabbrica ma ha fatto l'orto ogni anno, onorando i semi di famiglia

Ho coltivato negli anni scorsi carote gialle come la jaune du doubs 
ma è evidente che non è questa in foto, infatti il suo nome è tedesco, Lobbericher gelbe , una intera famiglia di carote gialle di origini antiche.

Sessanta anni di coltivazione in Puglia e Lucania hanno di certo modificato queste carote, ma l'ottimo sapore e la caratteristica "spalla" verde sono rimaste.

Ho trovato in vendita carote colorate simili a queste, a parte le dimensioni ed il sapore, (ovvio che le ho comprate e mangiate...), infatti una ditta sementiera di Andria importa semi di carota di Lobbericher e di Lubiana, già acquistati per le semine 2016...