martedì 6 novembre 2018

BIO-PATRIARCHI / 1

I Bio-patriarchi / 1

di Angelo Passalacqua


Sono molti i personaggi che si occupano o si sono occupati di botanica conosciuti, molti di più quelli poco o del tutto sconosciuti, magari non hanno nemmeno studiato botanica ed hanno sopperito tramite una grande passione! Voglio rendere loro omaggio, iniziando dal grande Orlando Sculli.



                             Foto tratta da QUI.

Un breve curriculum dell'operato di Sculli, mentre possiamo conoscerlo in questi filmati , il primo, il secondo, nel terzo lo vediamo in un suo vigneto, prestate attenzione alla parte in cui, con molta amarezza, dice "che queste piante vivranno finché ci sarà lui..."

Sculli ha fatto un enorme lavoro per il recupero ed il salvataggio del germoplasma della Calabria, viti ed ulivi, ortaggi e frutta descritti nei suoi preziosi libri, vi invito all'acquisto! In questo filmato alcuni dei suoi tesori.

Il professor Sculli è un "salvatore di piante e semi" molto generoso, non nega pochi semi o le talee a chi lo contatta, come testimoniano alcuni nostri Amici.

La melanzana rossa di Mormanno mandata a Giuseppe Monteleone, l'oliva bianca data a Vladimiro Rocco e Teresio Leoncini, quest'ultimo è il più riservato e poco presente in rete. Non vi ho parlato di un solo seedsaver, ora ne conoscete altri! E mi pare giusto ringraziarli per il loro impegno! Anche perché non mancano loro dolorosi eventi tipo questo capitato a Sculli!


9 commenti:

  1. Ciao Angelo,

    Non ricordo se ti ho raccontato come ho avuto i semi della melanzana Rossa dal Professor Orlando Sculli. Ho semplicemente trovato la sua email su Internet, gli ho scritto e mi ha mandato i semi in pochi giorni. Fa da contraltare quello che mi è successo l'altro giorno. Tu sai che sono sempre alla ricerca di nuove varietà di carosello pugliese, visto che ho esaurito tutte quelle che avevo. Ebbene ho chiesto dei semi di quella che sembrava una varietà che non avevo mai visto prima ad uno che ha un profilo Facebook dove spiccano le parole Coltivare e Amicizia e mi ha detto che lui è molto geloso dei suoi semi e perciò non me li poteva mandare. Non tutti sono COME Angelo Passalacqua, Orlando Sculli, Claudia Maggi, Jay Tracy, Marino Gentilin! Mi fermo qui altrimenti la lista sarebbe lunghissima.
    va da sé che i semi che ho avuto dal Professor Sculli li ho riprodotti e distribuiti a chiunque me li abbia chiesti. Tutta gente che in un modo o un altro ha ricambiato condividendo i propri semi.
    Scusa la logorrea, caro amico...

    -Giuseppe Monteleone-

    RispondiElimina
  2. Grazie Angelo di questo post, e del documentario sul territorio della Locride. Come sai ci sono appena stata ...Mi piacerebbe adottare una o due varietà di questi fantastici vitigni se non fosse impossibile, nella mia vigna personale e piccolina c'è posto.
    Qui ormai il clima è cambiato e, bando alla rassegnazione , mi piace coltivare "cose" che arrivano da voi, dal sud.
    ciao
    Adriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Adriana, sono certo che ci sono viti che possano crescere lì da te, magari il nostro Teresio ha già quello che cerchiamo!

      Angelo

      Elimina
    2. Non conoscevo il sig.Orlado,bellissima la sua tecnica per innestare le viti.

      Ciao Giuseppe,grazie per avermi citato ma non me lo merito,almeno per ora,piuttosto volevo fare una domanda a te,a Angelo a tutti gli amici del blog,tutti quei meravigliosi semi che ho visto a Piazzola li coltivate tutti sul vostro terreno?
      Mi sembra ci capire che Moreno abiti in provincia di Verona quindi un clima non adatto a tanti di quei semi a differenza del clima della Puglia,scusate la banalità della domanda ma non sono tanto intelligente,ciao!

      Elimina
    3. Ciao Marino, Moreno e soci sono in Veneto, i semi coltivati da loro sono o varietà locali o varietà introdotte adattatesi al clima/terreno, come ad esempio i miei ceci rossi o neri. La tua domanda non è per nulla banale!

      Angelo

      Elimina
  3. Ciao Marino, peccato che quel giorno non avevi molto tempo a Piazzola , altrimenti avresti capito che i semi che abbiamo sono tutti raccolti il loco o adattati al clima del nord, come deceva bene anche Angelo. Ti aspettiamo assieme a tutti gli amici a Seren del Grappa domenica 18/11/2018 https://coltivarecondividendo.it/wp-content/uploads/2018/09/2018_volantino-programma-resized.pdf

    RispondiElimina
  4. Che grande personaggio, ci hai presentato.

    Io non capisco chi è geloso dei semi e delle piante.
    Avevo dato a un'amica una semplice piantina di rosa multiflora symplex, lei ha spazio ed è diventata enorme. E a fioritura unica, e per pochi giorni è spettacolare. La brevità della fioritura la rende ancora più preziosa.
    Le hanno chiesto delle talee... ha risposto che gliela aveva data il Maharaja del Marocco, con la clausola di non darla a nessun altro.
    Ho scoperto di essere il Maharaja del Marocco... Giuro che non ho imposto clausole di quel tipo, semmai il contrario.
    Mi dispiace anche quando mi vengono chiesti semi per poi rivenderli.
    È una cosa che proprio non riesco a mandar giù.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prometto che, da ora in avanti, mi rivolgerò col rispetto dovuto ad un Maharaja!

      Grazie per la tua preziosa opera!

      Angelo

      Elimina