venerdì 7 settembre 2012

CAROSELLI SUL BALCONE

Coltivazione dei caroselli in vaso
di Giuseppe Monteleone



Gentili amici, Angelo e Roberta mi hanno chiesto di mettere a disposizione degli utenti di questo blog la mia esperienza di “coltivatore di caroselli su balcone”.
Non è impossibile coltivarli in uno spazio ristretto. Basti pensare ai miei due balconi:
  • in quello esposto a est/sud-est  le piante prendono il sole dall’alba fino a, più o meno, le ore 13,00. Questo primo balcone è abbastanza profondo;
  • ma nell’altro, largo appena 120 cm (140 se si considera anche il bordino rialzato) ed esposto ad ovest, il sole arriva dopo le 14,00.
Pianta di barattiere

Ho coltivato i miei caroselli in vasi tondi (del diametro di 40-50 cm) e rettangolari (di dimensione 80-100 cm di lunghezza, 35-40 cm di larghezza). La prima cosa, ovvia del resto, è rinunciare a coltivarli sperando di ricavarne semi in purezza. D’altronde è difficile farlo su appezzamenti discretamente grandi, figuriamoci su di un balcone!
Dopo una prima semina protetta, non a sufficienza evidentemente, finita male per un improvviso calo della temperatura, ho riseminato il 12 aprile e, per evitare problemi, quest’anno ho aspettato il 12 maggio per trapiantare all’esterno (la zona di riferimento è Milano).
La tecnica agronomica utilizzata è quella della coltivazione in verticale: ho fatto arrampicare lo stelo principale su una robusta canna di bambù supportata ai lati da canne più sottili di modo che un vento, particolarmente forte, non potesse spezzare il supporto principale e, con esso, tagliare di netto la pianta alla base (ahimè, l’anno scorso mi è successo…). 

Spuredda leccese
Una volta che lo stelo principale raggiunge un’altezza di 180 cm conviene cimarlo, mentre i getti laterali vanno potati alla seconda o terza coppia di foglie. Per quanto riguarda il Carosello Tondo di Manduria, avendo un portamento più cespuglioso, è consigliabile cimarlo quando raggiunge circa un metro di altezza.
Ho coltivato dieci piantine: due di Bianco Leccese, una ciascuna di Tondo di Manduria, Manduria, Tondo Barese, Tondo Massafrese, Mezzolungo di Polignano, Scopatizzo Barese, Spuredda Leccese e Barattiere. 

Bianco leccese --- Manduria ---Tondo di Manduria ---Tondo Massafrese
Ho raccolto 125 frutti per un totale di 21 chili, ma non tutte hanno avuto uno sviluppo soddisfacente. Forse perché dieci erano troppe e in qualche caso molto vicine tra loro.
Delle due piantine di Bianco Leccese una si è sviluppata poco, soprattutto nei getti laterali e la produzione è stata minima. Il che mi ha sorpreso non poco, visto che l’anno scorso le tre piantine (ed uniche) che ho coltivato mi hanno dato un raccolto di una decina di chili in totale. 

La mia idea è che, seppur in vasi diversi, era troppo vicino al Tondo di Manduria e che abbia “trasferito” (il virgolettato è d’obbligo) parte della sua produzione su quest’ultima pianta. 
 
Tondo di Manduria (sopra) e Bianco Leccese (sotto)
Il Tondo di Manduria, infatti, ha prodotto peponidi dalle forme più disparate: tondi, ovali, a pera e oblunghi; in quest’ultimo caso del tutto identici al Bianco Leccese, eccetto che per l’assenza di striature longitudinali leggermente più scure di questa varietà. Comunque tutti i frutti sono risultati molto gustosi, tanto da essere eletti da tutti i componenti della famiglia come i caroselli più graditi dopo il barattiere. Tra l’altro, sono state le uniche due varietà che si sono incrociate.


L’altra pianta di Bianco Leccese si è ricordata di essere un carosello in ritardo: si è messa a produrre a getto continuo, giusto poco prima che partissi per le ferie, proprio quando quasi tutte le altre piante avevano finito la loro produzione.


Barattiere
ll barattiere è stata una “delusione annunciata”. Se ricordo bene non è insolito che questo melone-carosello produca solo tra i 2 e 6 frutti in piena terra. Io poi ho avuto l’ardire di coltivarlo in un piccolo vaso rettangolare, ma un paio di bei peponidi di 500-600 grammi l’uno li ha comunque dati. Non perfettamente tondi, ma lo stesso saporiti.



Lo Scopatizzo Barese e il Mezzolungo di Polignano erano nello stesso vaso rettangolare di 80 cm di lunghezza e 35-40 cm di larghezza. Il primo ha fatto solo quattro frutti mentre il secondo ha prodotto 13 frutti normali per un totale di più di due chili prima di cominciare a fruttificare peponidi panciuti e deformi. Il gusto era comunque gradevole come i frutti normali. Posso dire che il Mezzolungo di Polignano ha avuto una produzione discreta, ma non riesco a capire perché lo stesso non è avvenuto per lo Scopatizzo Barese. Non credo che il motivo possa essere il fatto che fossero nello stesso vaso a distanza di una quarantina di centimetri l’uno dall’altro. Chissà…



Ho trovato particolare la differenza di gusto fra il Carosello di Manduria e il suo “fratellastro”, il Carosello Tondo di Manduria. Sono state le due varietà più prolifiche, avendo prodotte entrambe una ventina di frutti per un totale di circa 3,5 kg per pianta. 

Carosello di Manduria

Nel Carosello di Manduria la polpa si è rivelata abbastanza secca, poco acquosa. Al contrario, il Tondo di Manduria ha incontrato i favori incondizionati dell’intero nucleo familiare che ha apprezzato la consistenza molto tenera di questa varietà, i cui frutti sono risultati numerosi anche alla base della pianta.

Tondo di Manduria



La Spuredda Leccese ha prodotto quindici frutti per un peso totale di 2,5 kg. Quando ho eliminato la pianta, prima della partenza per le vacanze, c’era ancora qualche frutticino che poteva giungere a maturazione.
Nel vaso rettangolare più grande (100x40 cm) ho coltivato il Tondo Barese e quello Massafrese. Diversamente dallo Scopatizzo e dal Mezzolungo, la loro coabitazione non ha dato problemi: non si sono incrociati né hanno dato vita a frutti deformi.

Nel caso del Tondo Barese ho avuto la malaugurata idea di cimare lo stelo principale un po’ prima dei canonici 180 cm. per favorire i getti laterali che stentavano a svilupparsi, mentre buona era stata fino ad allora la produzione lungo lo stelo principale. 

Tondo Barese

Avevo perso le speranze che gli steli laterali si sviluppassero, ma dopo qualche giorno di riposo vegetativo si sono dati da fare pure loro: si sono allungati quanto dovevano e hanno prodotto altri peponidi. Sia il Tondo Barese che quello Massafrese hanno sviluppato una consistenza abbastanza morbida. Il primo ha dato 2,700 kg mentre il secondo 2,4 kg.

Tondo Massafrese



Per quanta riguarda le avversità atmosferiche, il 9 giugno c’è stata una fortissima grandinata che ha danneggiato la parte bassa delle piante del balcone esposto ad ovest (quello più stretto). Lo spettacolo che si è presentato dopo era desolante: molti getti laterali e foglie distrutte. Fortunatamente si sono riprese alla grande, ma credo che senza la grandinata la fruttificazione alla base delle piante sarebbe stata maggiore.
La malattia tipica dei caroselli, il mal bianco o oidio, è comparsa all’inizio su alcune foglie. Ho così deciso di utilizzare l’olio di neem una volta alla settimana non spruzzandolo direttamente sulle foglie, ma irrigando. È andata bene. Un insetto che ama molto i caroselli è la mosca bianca che produce abbondanti quantità di melata che di solito distrugge la coltura attaccata. Due anni fa ha fatto scempio dei miei peperoncini mentre sembra che la foglia del carosello resista meglio. Vedremo se sarà così anche l’anno prossimo e se è stata solo fortuna.
In conclusione, molta soddisfazione, ma troppe dieci piante di carosello per lo spazio che avevo a disposizione sul balcone. L’anno prossimo, promessa fatta a mia moglie, solo cinque piante. Lei non ci crede, io nemmeno…

41 commenti:

  1. Ciao Giuseppe,
    queste immagini fanno venire voglia di coltivare i caroselli in vaso anche se si ha un pezzetto di terra.
    Non posso far altro che farti i miei complimenti.

    Roberta

    RispondiElimina
  2. Sì, complimenti! Io nell'orto ho seminato diversi tipi di cetrioli, caroselli, meloni... e ho raccolto un tortarello e un carosello.

    RispondiElimina
  3. Ciao Giuseppe, ho letto con interesse questo tuo racconto, e ho ammirato la tua passione di coltivare l'orto sul balcone, onorando il detto "accontentarsi è metà vivere".
    Non conosco i caroselli, mai visti, ma da come se ne parla qui nel blog devono essere una meraviglia.
    Ho più terra che braccia per coltivarla, se vuoi ce n'è anche per te, e dopo aver letto la tua eroica esperienza milanese vorrò provarci anch'io con i caroselli, magari poche piante in serra protetta, per un primo esperimento.
    Grazie per l'incoraggiamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho i semi di almeno 10-12 varietà. Non farti scrupoli di cheiedere...

      Elimina
  4. Complimenti Giuseppe, per la riuscita della coltivazione e per... la biodiversità dei caroselli! Io non irrigo mai le piante di carosello, né cimo le piante, per questo i tuoi consigli saranno utili ai tantissimi che coltivano e coltiveranno i caroselli fuori dalla Puglia! Il pensiero va al nostro amico comune, Jay ed il suo "studio" sui caroselli a Tucson...

    Il barattiere è di forma ovale, quello tondo è detto cianciuffo, sono ottimi uguale, rendono poco anche in campo. Il tondo-lungo di Manduria assomiglia terribilmente allo spuredda di Lecce... Vedo che quasi tutti i caroselli tendono alla forma allungata, di solito l'ibridazione si rileva riseminando, non lo stesso anno coltivativo. Hai impollinato a mano o ci sono stati insetti sufficienti allo scopo?

    La coltivazione in verticale potrebbe indurre il fenomeno?

    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, Angelo. No, nessuna impollinazione manuale. I miei due balconi erano un andirivieni di splendide api. Quanto le ho amate vedendolo passare da un fiore all'altro!!! La domanda che poni alla fine è interessante. L'anno prossimo presterò particolare attenzione a questo proposito.

      Elimina
  5. ciao giuseppe io coltivo molti vegetali in vasi e il rpossimo anno vorrei provare a coltivarli in serra.. essendo in vaso che tipo di concimazione hai usato? io per le mie zucchine uso un macerato di consolida in modo da arricchire il terreno visto che le piogge continue continuano a lavare tutto e lasciando il terreno privo di nutrimento... belle le tue foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me è stato sufficiente del terriccio universale. Per questi caroselli ho usato il terriccio in cui sono cresciuti i peperoncini l'anno scorso. Alla fine della stagione (novembre-dicembre) ho cernito la terra e l'ho riposta in sacchetti. Poi all'inizio della nuova stagione ho messa della torba (proporzione 50 e 50, più o meno) e mischiato anche un po' di palline di argilla e perlite espansa. Ciao.

      Elimina
  6. Anche a me, che come dice orto delle piane, ho più terra che braccia viene la voglia di coltivare in vaso.
    Complimenti per il bel raccolto.
    Liliana

    RispondiElimina
  7. ...mi sa che per il prossimo anno i nostri orti si popoleranno tutti di caroselli!
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto a Orto delle Piane, semi ne ho e se anche dovessero finire il mio vecchio giù in Puglia è pronto a fare il giro dei vivai vicino casa sua per rifornire.

      Elimina
  8. che meraviglia! meglio che in piena terra!!!

    RispondiElimina
  9. Fantastico, complimenti. Tra l'altro non vedo traccia di ragnetto rosso sulle tue piante! Tutte le cucurbitaceae e non solo coltivate sul mio balcone non hanno vita lunga; sono infestate da questo mostriciattolo malefico. Probabilmente il clima di Milano non lo favorisce. Che invidia :3 Ps. Anche io ho invaso il balcone di piante per la gioia di mia madre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mostriciattolo malefico al ragnetto rosso? basta spruzzare della semplice acqua con uno spruzzino o aumentare di poco l'umidità che sparisce!!!...fosse così facile far scappare altri parassiti!
      Pat

      Elimina
    2. La spruzzata d'acqua gli fa un baffo, perchè il balcone, almeno dalle mie parti, diventa un forno e accelera la riproduzione; il cemento assorbe il calore :S E' un pò di anni che ci combatto. Quest'anno poi è stato catastofrico, me l'ha confermato anche un contadino bio del posto, che ha avuto problemi in pieno campo su molti ortaggi; merito dei vari anticicloni...

      Elimina
    3. in tanti, causa siccità, hanno avuto lo stesso problema ma aumentando le irrigazioni e nebulizzando l'hanno superato. Un'amica aveva il prato della villa e tutta la casa infestata ha aumentato la frequenza e il tempo di irrigazione del prato e in poco tempo se no è liberata! Anche un amico nel gruppo di FaceBook ha fatto lo stesso e ha risolto, felicissimo lo ha consigliato al suo vicino di proprietà che aveva lo stesso problema.
      Provaci almeno...anche se ti sembra troppo semplice!
      ciao Pat

      Elimina
    4. Si, si l'ho fatto, ho nebulizzato tutti i giorni. Ma le piante mi sono morte. Ho addirittura immerso nell'acqua delle piccole piantine infestate e ce le ho lasciate a bagno per un pò... ma niente...ho notato che anche dopo questa operazione qualche malefico rimaneva vivo e poi prolificava. Tutte le piante annuali mi sono morte...anche le dalie, le aromatiche, il tagete, il tropeolo, le piante acquatiche etc. e non ho avuto il piacere di vedere fioriture estive. Tra l'altro per fare queste operazioni ho perso molto tempo, perchè ho nebulizzato per bene anche e soprattutto la pagina inferiore di ogni foglia delle piante, che erano/sono un pò. Insieme a questo già da aprile ho fatto un lancio di phytoseiulus persimilis, l'antagonista del ragnetto, sempre accompagnato da nebulizzazioni. Ha funzionato finchè non è arrivato il caldo forte di Luglio. Ho provato anche altri metodi... troppo costosi... Credo che i miei balconi siano il paradiso del ragnetto rosso. Forse dipende anche dal tipo di terriccio...boh! Per fortuna da poco ho un minuscolo pezzo di terra, forse li è più facile il controllo del malefico. Lo odio sigh... l'orto estivo sul balcone non lo farò più. Ogni estate è così e non raccolgo nulla...scusa la lunghezza della risposta, hai toccato un tasto dolente

      Elimina
    5. se è il paradiso del ragnetto rosso, non ne esci! ormai le hai tentate tutte!!! non ho mai approfondito il discorso terriccio, non saprei. Ma tu in che zona ti trovi?
      Pat

      Elimina
    6. Sono della zona di Bari, sto un pò più a Nord di Angelo :)
      Quando ho composto il substrato dei vasi ho usato anche un pò di sabbia di fiume. Può darsi che questo lo favorisca, perchè la sabbia si riscalda velocemente.
      A parte ciò ho notato che le nebulizzazioni quasi non arrivano a toccare le piante quando le faccio in Agosto ... in realtà l'acqua non evapora già contatto con l'aria, ma poco ci manca hihihihi dopo trenta secondi è già scomparsa dalle foglie per il caldo

      Elimina
    7. in pratica il ragnetto ama il secco e odia l'umido, basta alzare il livello di umidità e rendegli sgradevole il soggiorno che scappa! Devi creagli delle condizioni che non gradisca, capisco che da voi sia più difficile che qui da me a Milano.
      Comunque quando è molto secco si riempe anche un prato assolato dove vado in montagna...ma irrigando sparisce!
      Angelo cosa consiglia?
      Pat

      Elimina
    8. In balcone ho qualche aromatica, un limone, le fragole di mia figlia, una pianta di pomodoro ciliegino di due metri e le piante da telee che ho tenuto in casa in inverno, al momento 7 piante di solanum torvum da seme che crescono a vista d'occhio, domani sposto tre pepino coi frutti ed il goji. Confermo il commento di Francesca, i balconi sono l'ideale per il ragnetto, la difesa sta nel nebulizzare più volte con acqua, non solo le piante ma tutto il balcone! Se l'acqua non basta, irrorare con sapone molle potassico diluito (le piante), rimedio drastico ed efficace. Ovviamente le irrorazioni vanno ripetute in base all'entità dell'infestazione.

      In piena terra i problemi sono minori o assenti, io non ho ragnetto nemmeno negli orti a secco, ma anche qui, in caso di necessità/annate difficili, il sapone risolve! Sconsiglio l'uso di insetti antagonisti sul balcone,si disperdono lontano in breve tempo...

      Angelo

      Elimina
  10. come è carino il tuo blog, ben fatto, complimenti! mi sono appena iscritta, ti va di ricambiare? grazie ti aspetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Giovanna e benvenuta,
      siamo più di uno che gestiamo e scriviamo in questo blog; possiamo dire che è un blog condiviso, come molti dei nostri orti.
      Hai anche tu un orto o ti diletti a coltivare qualcosa nei vasi?

      Roberta

      Elimina
  11. complimenti per la coltivazione urbana e per la bella scheda preparata per il blog, vedo con piacere che il carosello ha sempre più estimatori.buona coltivazione a tutti

    RispondiElimina
  12. ciao a tutti, sono capitato qui per caso, cercando in rete come coltivare bene le caroselle,
    sono di origini pugliesi, vivo a Torino e sono alla mia prima esperienza di coltivazione
    in orto di questo splendido ortaggio. devo dire che sono contento di essermi aggiornato su come procedere..... le mie piante di caroselle sono alte circa 10 cm, e ieri 3 Maggio ho eseguito il trapianto in orto, vi tengo aggiornati su come va.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Leonardo, aspettiamo di sapere come procederà la tua coltivazione di caroselli a Torino.
      Sono tante le persone che abitano al Nord che si chiedono come poter produrrre questi frutti abituati al caldo Sud.
      Tienici aggiornati.

      Roberta

      Elimina
    2. Negli anni scorsi ho coltivato i caroselli e i tortarelli a Milano, in piena terra. Niente di eclatante, però ho avuto una produzione e un gusto buoni e soddisfacenti. Io ho scelto un'aiuola tra quelle più assolate.
      Vedrai che staranno benissimo anche a Torino,

      Elimina
    3. Salve ragazzi, vi aggiorno sulla coltivazione delle caroselle, nel mio caso i tondo di manduria. Ho trapiantato 15 piante il 2 maggio, delle quali 5 sono andate... Le altre sembra che tengano. Ho Notato alcune macchie gialle sulle foglie, sapete dirmi cosa può essere?

      Elimina
    4. Scusate,trapianto eseguito il 3 maggio, in orto .

      Elimina
    5. Mi sono capitate delle macchie gialle sulle foglie di zucchina, ma non so il motivo.
      Ho trovato le foto dell'anno scorso, guarda quanti fiori
      Questa
      http://fioridiaia.altervista.org/anni-precedenti/estate-2013/13-07-03-carosello-mezzolungo-di-polignano-10-.jpg.html
      e le due foto seguenti

      Elimina
  13. Caro Leonardo, sono Giuseppe, l'autore di questo post. Secondo me avresti dovuto aspettare ancora qualche giorno prima di trapiantare all'esterno i caroselli ed anche in questo caso con copertura per qualche giorno ancora. I caroselli sono molto molto sensibili non solo al freddo, ma anche al fresco delle notti primaverili del Nord Italia. Le macchie gialle potrebbero essere dovute alle temperature basse? Le mie hanno un colorito verde molto chiaro, quasi giallo, quest'anno, segno che c'è qualcosa che non va. Per non trovarmi senza piantine in caso di morte prematura, ho fatto una seconda e poi una terza semina. Se sopravvivono in tante, meglio. Qualcuno al quale regalarle si trova sempre... Ciao. Un saluto ad Angelo e Roberta e agli assidui frequentatori di questo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Giuseppe, hai sicuramente ragione sul fatto del trapianto precoce che ho effettuato... me ne sono accorto a mie spese. Ho comunque riseminato ed ho altre piantine che piantero' sicuramente dopo il 15 maggio, cosi' mi hanno consigliato, vi tengo aggiornati sulle prossime evoluzioni!!! salutoni!!!

      Elimina
    2. Quest'anno sono un ritardo clamoroso. Anche la seconda semina è andata male e non capisco perché, visto il sole che abbiamo avuto anche qui al Nord durante questa primavera. Ma ho già pronte le piantine (ancora piccole, ahimè) della terza semina. Mi sono portato avanti con il lavoro sapendo quanto delicate sono le piantine di carosello... A presto.
      P.S. Nel post dove si legge Carosello di Manduria si intende Carosello Tondo di Manduria e viceversa. Le ditte sementiere fanno una confusione tremenda con alcune varietà di carosello, ma quest'anno i semi me li produco da me.

      Elimina
    3. Ciao forum vi aggiorno sull'andamento dell'anno scorso......Delusione max su 20 piante raccolte 3 caroselle, nel mio caso i tondo di Manduria. Stagione diluviante piantavo il riso facevo meglio.....speriamo quest'anno.....aggiorniamoCi!

      Elimina
    4. Credo che quasi per tutti quest'anno se avessero piantato riso sarebbe stato meglio.
      Non è certo consolante
      Speriamo nella prossima stagione.
      Ciao
      Liliana

      Elimina
  14. Ciao Giuseppe sono Giovanni. Dopo aver letto l' anno scorso il tuo Blog mi è venuto l ' idea di piantare anche io dei MULINAZZI ( sosi vengono chimate dalle mie parti in Puglia). Ho comprato proprio per piantale un bel vivaio 3×6 m in plastica. Purtroppo non mi riesce a vedere neanche 1 di quei bei Barattiere ( ne ho piantate 4 tipi) .Dopo averli cresciute in vaso al caldo in casa in Giugno le ho trasferite in vuvaio. I fiori del frutto riesco a vederli ma poi cadono. Ps: risiedo da 49 anni in Germania.
    Un saluto Guovanni

    RispondiElimina
  15. Ciao Giovanni,

    Non vorrei disilluderti, ma non credo che sia così facile coltivare i caroselli in Germania, a meno che non si abbia una super serra riscaldata senza sbalzi di temperatura. Per quanto ne so io, in Germania oggi ci sono 30 gradi, domani di botto si scende a 15... Quanto al Barettiere poi (ce n'è sono di due tipi, ovale e tondo), non è molto prolifico: produce da due a cinque-sei frutti, quando va bene. Quest'anno il mio Barettiere Tondo (detto anche Cianciuffo o Tondo di Fasano) che ho sul balcone mi ha fatto uno scherzetto mica da niente. Non ha sviluppato il fusto primario, ma solo tantissimi rami secondari e terziari. Frutti tantissimi ma seccano subito e occupa da solo sei-sette metri di balcone con buona pace di mia moglie che vorrebbe stendere il bucato ogni tanto. Però la pianta è bellissima e non dispero che prima o poi mi dia qualche frutto.
    Il Carosello di Manduria e quello Tondo Massafrese, come al solito, stanno dando grandi soddisfazioni.

    -Giuseppe-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe,
      E vero con la temperatura che varia moltoquì ma le piantine si stanno sviluppando bene. Spero che prima o poi mi da la soddifazione di vedere un frutto. Di tipi ne no seminati vari: CAROSELLO SCOPALIZZO BARESE..... CAROSELLO TONDO DI MANDURIA.... CAROSELLO DI FASANO... CAROSELLO SPUREDDA LECCESE BIANCO ... purtroppo solo fiori e niente frutto.... forse le api tedesche non apprezzono hahaha e non impollinano. Ti saluto. Se vuoi ti mando delle foto.

      Elimina