martedì 6 agosto 2013

CIPERO

I Ciperi 

di Angelo Passalacqua

Per la gioia degli appassionati di "erbacce", le terribili infestanti che rappresentano l'incubo degli agricoltori delle monovarietà intensive, oggi parleremo di alcune piante non più coltivate e non più utilizzate,iniziamo dal Cipero 



La Famiglia è la stessa del più conosciuto Papiro, tre le varietà di nostro interesse, lo zigolo comune

http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/viewtopic.php?t=8388 







Molto diffuso è anche il cipero "infestante", dai buoni tuberi commestibili, piacevolmente amarognoli

http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/viewtopic.php?t=8397



Non vi annoio con le descrizioni botaniche, le schede che vi allego sono più che complete, farò eccezione solo per il cipero dolce, un vero tesoro sconosciuto, perlomeno qui in Italia.


 I suoi tuberetti sono detti anche mandorle di terra, dolci con un sapore gradevolissimo di castagne e mandorle, una volta aiutava anche a tener lontana la fame... Qui notizie interessanti

I coltivatori "naturali" dovrebbero pensare a rientrodurre nei loro campi piante come queste, è questa la biodiversità necessaria da salvare, piante così possono dare una buona fonte di reddito aggiuntivo e la gente tornerebbe a mangiare cibi dimenticati.

http://it.wikipedia.org/wiki/Cyperus_esculentus  

http://it.wikipedia.org/wiki/Horchata

http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/viewtopic.php?t=8425

So che i "professionisti" sorrideranno all'idea di coltivare piante infestanti che loro combattono coi diserbanti, eppure c'è chi lo fa, come vedete qui 




http://vimeo.com/8328958

E nelle ore più calde, se non siete a mollo o al fresco di un bosco, potreste girarvi tutto questo sito:

http://www.chufadevalencia.org/  

In seguito inserirò le foto delle infiorescenze e dei tuberi radicali dei ciperi, appena possibile.


53 commenti:

  1. Questo bel racconto mi ha riportato il ricordo che nel secolo scorso avevo avuto modo di apprezzare in quel di Formentera la bianca bevanda che da questi tuberi là si ricava, e leggendo queste note mi è tornato alle papille il suo soave sapore ...
    E immantinentemente mi vien da domandarmi se il cipero dolce potrebbe crescere nei miei freddi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giovanni,
      sai che io spingo sempre a provare di persona| Ti spedisco appena pronti i tuberi del cipero dolce ma devo avvisarti, rischi di diventare un pericoloso coltivator-sovversivo che attenta alle coltivazioni altrui, stando a quanto scrivono i tuoi vicini svizzeri:

      http://www.news.admin.ch/message/index.html?lang=it&msg-id=39355

      Io sono a distanza di sicurezza e da me non hanno da temere...

      Angelo

      Elimina
    2. Ciao Angelo, rassicuro gli allarmati amici svizzeri, è vero che tra me e loro ci stanno pochi chilometri, ma sono costituiti da ghiacciai e quote elevatissime, che anche il temibile zigolo dolce avrà impossibilità a superare.
      Io invece lo ospiterò volentieri, lo coccolerò e ne conterrò la propagazione raccogliendone abbondantemente i tuberi, per cavarne quel meraviglioso latte che nulla ha da invidiare a quello nostro di mucca o di capra, per la gioia anche di Donatella, comune amica vegana, che è venuta simpaticamente a trovarci per fuggire il torrido della Puglia, rinfrancarsi nella nostra frescura, e allegramente zappare nella morbida terra montana ...

      Elimina
    3. Ciao Giovanni,

      i nostri amici svizzeri saranno felici, i ciperi non valicheranno le Alpi come gli elefanti di Annibale...

      Salutami Donatella, mi aveva inviato una mail in cui mi annunciava il suo viaggio da wwoofer, per un ritardo tecnico da parte mia non ho potuto inviarti i semi e, magari, una piantina di s. torvum... Peccato!

      Qui caldo tropicale, quindi normale per il periodo, magari consiglio a Donatella di godersi ancora un pò le bellezze del posto e la frescura! E, per riposarvi, godetevi anche questo video:

      http://vimeo.com/8328958

      Angelo

      Elimina
  2. Ma pensa, non avrei mai immaginato dei tuberi commestibili nascosti sotto alle erbacce.

    RispondiElimina
  3. Ma è questo il terribile quadrello, giusto? Meglio tardi che mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quadrello o quadrelli si riferisce al cyperus longus, quello che non fa tuberi radicali, solo rizoma.

      Angelo

      Elimina
    2. Ah, ecco. Per fortuna non ho mai incontrato il quadrello.

      Elimina
  4. Come si estrae il latte? Il nome in spagnolo ha qualche riferimento con la nostra bevanda chiamata "Orzata"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ MaxBetty: Nel link http://vimeo.com/8328958 che compare nel post si vede bene tutto il processo, dalla coltivazione in poi, in forma artigianale evoluto e industriale.
      A livello casalingo penso sia sufficiente schiacciare bene con un mortaio i tuberi ben puliti sino a ridurli in pasta, aggiungere 3 volte d'acqua, lasciare riposare quanto basta rimescolando ogni tanto il tutto, colare e aggiungere per ogni litro 120 grammi di zucchero, poi si conserva al freddo.
      Ritengo che la parola "orzata" si riferisca a diverse estrazioni con acqua, da semi diversi.
      La nascita della parola suonerebbe come estratto da orzo, altri la fanno con le mandorle, riso, altro; in commercio si trova uno sciroppo al benzoino (che è contenuto nelle mandorle amare)

      Elimina
  5. Nonostante il suono simile che può ingannare, l'orzata ha poco a che fare con l'orchata, il "latte" estratto dal cipero dolce è un vero alimento, migliore del latte di origine animale. Simile è il latte di mandorle dolci, quello "vero", senza benzoino...

    La ricetta di Giovanni è la classica, la migliore, però ce ne sono altre, anche con l'uso del terribile mixer:

    http://www.youtube.com/watch?v=XG8QgVSv81E

    Non buttate via i residui delle spremiture, è un vero peccato!

    http://www.cucinaecozoica.com/cucina-ecozoica/horchata-de-chufa.php

    http://archeoricette.com/2013/04/13/colazione-al-cipero-e-non-e-un-insulto/

    Notizie utili per la coltivazione in Italia in questo vecchio libro, dalla pagina 39 in poi

    http://books.google.it/books?id=HUGWPb33LTsC&printsec=frontcover&hl=it#v=onepage&q&f=false

    E, per finire, anche una tazzina di caffé di cipero:

    http://www.provincia.bz.it/caffeanterivo/amministrazione/409.asp


    Buonanotte
    Angelo

    RispondiElimina
  6. Grazie per tutte le indicazioni, se possibile mi piacerebbe provare a piantarlo qui da me.

    RispondiElimina
  7. Non sono proprio del tutto sicura se siano quelle piante che mi capita di tanto in tanto di vedere nei campi incolti, che all'inizio penso siano piccole piante di mais e poi piccole canne che stanno venendo fuori dal terreno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arvalia, penso che le tue siano simili alle mie. Le foglie sono praticamente uguali a quelle del Cipero, ma non la fioritura. Sono giorni che mi riprometto di cercarne il nome italiano o latino ma non riesco mai. In milanese mi dicono che si chiama "giaiùn"

      Elimina
    2. Sì, penso anche io che non siano quelli di Angelo ... per il momento mi accontento di condividere lo spirito della conoscenza senza applicazioni pratiche ... il che non guasta mai ... la prudenza non è mai troppa.

      Roberta

      Elimina
    3. Brava Roberta,
      raccomando sempre prudenza quando si ha a che fare con piante o uso di esse che richiedono conoscenza approfondita, mai improvvisare! Sepre valide le avvertenze di rito, sono alla voce Disclaimer e Privacy:

      Attenzione: Le applicazioni farmaceutiche e gli usi alimurgici sono indicati a mero scopo informativo, decliniamo pertanto ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

      Mi raccomando!

      Ringrazio il tempestivo Sergio per la segnalazione di un mio grossolano errore, per uno scambio di codici foto, avevo messo due foto della "sorghetta" al posto del cipero...

      La pianta di Roberta potrebbe essere proprio questa:

      http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/viewtopic.php?t=9030

      http://amicidellortodue.blogspot.it/2008/01/sorghetta-sorghum-halepense.html

      E che il "giaiùn" di Claudia sia il "giavone"?

      http://www.actaplantarum.org/floraitaliae/viewtopic.php?t=9201

      Un pò di pazienza e... ciperi per tutti!

      Angelo

      Elimina
    4. Appena riesco faccio una foto del "mio giaiùn" così la confrontiamo con il giavone.
      Grazie.

      Elimina
  8. Interessante,quando mai usare diserbanti chimici per le "erbacce",piuttosto falciarle e usare come pacciame.Dove trovare il Cipero dolce?Attecchisce in Sardegna,in terreno argilloso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La raccolta dei ciperi si fa in autunno, posso inviartene qualcuno se non ne trovi prima. Può crescere in Sardegna ma il terreno argilloso non è l'ideale, sopratutto per la raccolta! Se prepari a dovere il terreno, rendendolo più "lavorabile", la coltivazione del cipero ti darà soddisfazione!

      Angelo

      Elimina
    2. grazie per le informazioni, ma come faccio a distinguere se è longus, rotundus o escuk
      lentus? nel caso fosse longus posso piantare degli esculentus e vedere che succede?

      Elimina
    3. qua una foto
      https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10204474138362176&set=a.10204326641794854.1073741830.1493621347&type=1&theater

      Elimina
    4. Buonasera Paola,
      se leggi attentamente il post ed i link che ho messo, non avrai problemi ad identificare la varietà di cipero. Puoi seminare senza problemi il Dolce, importa poco la presenza di altri ciperi!

      Quello in foto sembra il cipero infestante che non fa tuberi, ma non è sufficiente per l'indentificazione, potrebbe essere anche una sorghetta...

      Angelo

      Elimina
  9. Un'amica mi regalerà tre "ciperini".
    Cosa ne posso fare? Li conservo fino alla primavera o li pianto in un vaso e li tengo al riparo?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suppongo che l'amica sia Palmira...

      I ciperini durano poco una volta estratti dal terreno, se non sono destinati a trasformarsi in latte o farina non si devono far seccare per conservarli ed utilizzarli in seguito! Per la risemina occorre conservarli in sabbia o terriccio, non devono prendere aria, se si disidratano non germogliano più!. Comunque non germogliano se non al momento giusto, anche se sono in terra.

      Te ne mando anche io qualcuno, non ho ancora estratto i ciperi, li aggiungo ai semi di bietola e rucola che (mea culpa, mea maxima culpa,,,) che non ti ancora mandato!

      Angelo

      Elimina
    2. Angelo: colui cui nulla sfugge!
      Certo, l'amica è Palmira!
      Avevo capito che me li avrebbe mandati subito, invece me li manderà in primavera, quindi la conservazione sarà a suo carico.

      E tu non hai nessuna colpa! Più di una volta mi hai inviato quei semi, che sono sempre andati persi!
      Grazie.

      Elimina
  10. Save, sono rimasta estasiata da questo piccolo tubero. Vorrei provare a coltivarlo. Mi sa indicare dove posso trovare i semi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Maria,
      non so dirti se i ciperi sono in vendita, conosco vivai che vendono piante in vaso. Non ho ancora raccolto i miei ciperi, causa pioggia abbondante, lo farò nei prossimi giorni. Se ti accontenti di qualche ciperino, scrivimi al mia e-mail il tuo recapito.

      Angelo

      Elimina
  11. Ciao a tutti, sono rimasta affascinata da questo piccolo tubero che non conoscevo.
    Mi piacerebbe moltissimo coltivarlo ma da me in Sardegna non si trova. Potete aiutarmi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina,
      scrivimi alla mia e-mail, la trovi a Lista dei Semi, qualche ciperino posso inviartelo!

      Angelo

      Elimina
    2. Ciao Angelo, sono sempre Cristina. Ti ho scritto già due mail ma dal momento che non rispondi credo ci sia qualche probema e probabilemnte non le ricevi. Il mio orticello aspetta te, ho lasciato uno spazietto per il cipero dolce.... se riesci ad inviarmene qualcuno, ovviamente.
      Come possiamo fare?
      Ti ringrazio fin d'ora per la gentilezza e aspetto fiduciosa tue indicazioni.
      A presto, Cristina.

      Elimina
    3. Cristina, nella Nuova pagina aperta Angelo ha comunicato:
      "Ciao a tutti gli Amici. Per motivi di salute sarò lontano dal blog, spero di ritornare presto!

      Chiedo scusa ai tanti che mi hanno scritto e continuano a farlo, non posso rispondere alle e-mail..."

      Io ho ricevuto alcuni tuberini di cipero da Angelo, ma per ora non hanno dato nessun segno di vita e non sono in grado di distribuirli, mi dispiace.

      Elimina
    4. Prova a chiedere a Unkonwn-Antonio del post qui sotto, che non riesce a liberarsene.

      Elimina
    5. Grazie Claudia e tanti auguri ad Angelo. Scusate ma non so utilizzare molto bene questo blog perciò non ho letto il suo messaggio.

      Elimina
    6. Non preoccuparti. I commenti nella pagina aperta sono tantissimi, è praticamente impossibile trovarne uno in particolare, soprattutto se non sai di doverlo cercare!

      Elimina
  12. E io che ogni anno cerco con le arature costanti di eliminarlo dal mio orto!!!!! Sarò agressivo ma non ci riesco tanto nel mio intento. Mi ha invaso l'orto , che faccio ? Però ho notato estirpando alcune piante che i tuberini sono di colore scuro , schiacciandoli emanano un profumo di mandorle . Antonio da Castellana Grotte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissimo Antonio, benvenuto!!!

      Arando non fai altro che moltiplicare i ciperi, è una battaglia persa... Una soluzione sarebbe raccoglierli e venderli (sono in vendita a caro prezzo!), oppure spargi voce che li regali a chi viene a raccoglierli! Vedrai che folla...

      Angelo

      Elimina
  13. Ciao a tutti! Si potrebbe sapere se qualcuno sa dove posso recuperare i semi di questa preziosa pianta? Grazie mille
    Aurora

    RispondiElimina
  14. Buongiorno, mi piacerebbe rovare a piantare, in vaso, quindi in terreno circoscritto questo interessante tubero. Qualcuno di voi ha avuto risultati positivi? Sapete dove posso procurarmi un paio di tuberi per la semina?
    Grazie

    Sara

    RispondiElimina
  15. Ciao Sara, io ne ho coltivati in vaso con buoni risultati. I ciperi sono a dimora in attesa della primavera, saranno disponibili a fine stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la risposta MaxBetty. Posso chiederti dove li hai trovati?
      Nel caso cercherò di ricordarmi e riscriverti tra qualche mese. Grazie ancora

      Sara

      Elimina
    2. A me li ha mandati Angelo Passalacqua

      Max

      Elimina
    3. Max, anche a me li ha mandati Angelo, ma ancora non è spuntato nulla. E' normale?
      (Angelo in questo periodo ha problemi di salute, per avere qualcosa da lui dobbiamo aspettare che stia meglio)

      Elimina
  16. Claudia,
    anche i mei ancora sonnecchiano sotto terra.
    Appena spuntano vi avviso.

    Massimo

    RispondiElimina
  17. Ciao a tutti. Rieccomi. A che punto siamo con la coltivazione del cipero? Non conosco la tecnica di raccolta e coltivazione perciò la butto lì.... sono stati già raccolti?

    ciao e grazie per le informazioni successive!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da me se ne è salvata solo una piantina, quindi non raccoglierò niente. Sto cercando di far cadere i semi nelle vicinanze di questa piantina così che se ne nasceranno altre resteranno circoscritte in quella zona. Altro non posso dire, aspettiamo gli altri.

      Elimina
    2. E' ancora presto per la raccolta, le piante in crescita devono seccare. Ho scritto appunto questo post:

      http://amicidellortodue.blogspot.it/2013/12/cipero-raccolto.html

      Angelo

      Elimina
  18. Grazie Angelo, molto interessante. Ci tengo molto a provare questa coltivazione. Visto le difficoltà con il terreno compatto, proverò a fare un misto sabbia. Attendo che la pianta secchi.
    Grazie a presto

    Sara

    RispondiElimina
  19. Ciao a tutti, ci sono novità per i ciperini?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara, non ho potuto raccogliere i ciperi, aspetto che il terreno si asciughi e raccolgo. Inviami una mail.

      Angelo

      Elimina
  20. Sara, i ciperi sono ancora dormienti sotto terra

    RispondiElimina
  21. Ciao Angelo, ti ho mandato la mail qualche giorno fa. Se non l'hai ricevuta potrei aver scritto all'indirizzo sbagliato. Se non trovi nulla ti riscrivo.

    Grazie

    ciao
    Sara

    RispondiElimina
  22. Qualcuno conosce qualche piccola azienda agricola che li coltiva?

    RispondiElimina