giovedì 19 novembre 2015

CAROTA GIALLA

Carota gialla 

di Angelo Passalacqua


Non ha un nome questa carota dal colore del sole, è una rarità che cresce in due luoghi della Murgia, una volta era una bontà riservata alla tavola, poi divenne foraggio da dare agli animali, oggi è apprezzata dai pochi che la conoscono e la coltivano.


Il colore delle radici varia dal bianco-giallastro al giallo e con diverse forme morfologiche suggeriscono ibridazioni originatesi in decenni di coltivazione, ovviamente nei dialetti viene chiamata bastnech giall, ma è una vera carota, non pastinaca.

  
Il peso delle carote più grosse arriva ai trecento grammi, il ciclo di coltivazione è primaverile-estivo con la raccolta a fine Settembre-inizio Ottobre.


Come tutte le piante murgiane vuole poca acqua, l'umidità eccessiva causa marciumi ed anche la conservazione delle carote è delicata, una cantina (meglio) o lo scomparto verdura del frigo, con la giusta umidità, ne allungano la vita di un mese e più.


Il profumo è intenso, il sapore corposo ed aromatico ricorda il Pastinocello e sono convinto che una parentela stretta queste carote l'abbiano.


Foto e descrizione dalla pagina 203 della "bibbia", "SEMI DAL PASSATO" , scritto dal gruppo dell'Istituto del Germoplasma di Perrino, Laghetti e collaboratori e l'IPK di Hammer ed Altri, il Catalogo del Germoplasma Agrario dell'Italia meridionale.


La parte vegetale che sporge dal colletto delle carote è dovuta alla raccolta a scalare delle foglie per uso culinario, altro utilizzo mangereccio molto gustoso!

Ed i germogli che spuntano testimoniano che ci saranno semi, se tutto va per il giusto verso...
 



 

13 commenti:

  1. Se è così gustosa, perché relegarla solo al ruolo di mangime?
    E' pallida, capisco, ma ora ci sono tante persone desiderose di nuovi colori nell'alimentazione.
    Credo che in futuro avrà di nuovo successo.

    Ovviamente non è adatta alla mia zona. Già il terreno compatto ostacola la crescita delle radici in generale, e per la maggior parte del tempo l'umidità è decisamente eccessiva.

    RispondiElimina
  2. Caro Angelo,
    Mi sono imbattuto anche io in una carota che sembra proprio quella delle tue foto, l'ho trovata da una ditta sementiera locale mentre ero in vacanza in Slovenia, si chiama gialla di Lubiana, il prossimo anno spero di riuscire a conservarne alcune per farle andare a seme.

    RispondiElimina
  3. @Claudia
    Per fortuna c'è un ritorno di attenzione alle carote colorate ed alle benefiche sostanze in esse contenute!

    Potresti provare la coltivazione in un vaso sufficientemente profondo, ti mando i semi appena disponibili.

    @Moreno
    Non è la carota gialla di Lubiana e neanche la jaune du doubs, sono sulle tracce di questa misteriosa carota, tra poco un post con notizie interessanti!

    P.S. Claudia e Moreno:
    Perdonate il ritardo, semi in partenza domani, il tempo stringe!!!

    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angelo, sei sempre generoso. Provo, poi vi saprò dire.

      Elimina
  4. Grazie Angelo, sto cominciando a preparare anche io per la manifestazione di domenica, spero che i semi arrivino in tempo!! Incrocio le dita per le poste!! Spero nella conoscenza di tanti amicidellorto2 che si faranno vivi nel tavolo a noi assegnato per condividere semi e saperi, poi preparerò un post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello. Mi racconti di più, che non ne so nulla?

      Elimina
    2. Si Claudia, è una giornata di scambio di semi che si svolge da qualche anno in Veneto organizzata da questo gruppo che ha anche un blog http://www.coltivarcondividendo.blogspot.it/2015/11/chiamata-raccolto-2015.html all'interno trovi il programma completo e dallo scorso anno mi sono intrufolato anche io e Nerio, però quest'anno abbiamo ricevuto l'invito ufficiale del gruppo e spero che almeno quelli più vicini possano esserci con i loro semi

      Elimina
    3. Mi ricordo dell'anno scorso. Divertitevi!

      Elimina
  5. Anche per me è un problema la coltivazione delle "radici"terreno duro ed argilloso.
    L'idea di Angelo del grande vaso mi sembra ottima.
    Proverò.

    RispondiElimina
  6. bellissima ed interessantissima, angelo se non hai già spedito la bustina di semi e se sono disponibili le carote aggiungine per favore. però vorrei sapere come farle montare a seme, o per meglio dire come angelo tratta la carota per raccogliere i semi.ricordo che c'è uno specifico metodo.saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti mando i semi delle carote di cui dispongo, le Polignano ed altre. Per la raccolta dei semi, c'è un post che ho scritto tempo fa, dovrebbe essere tra "tecniche di coltivazione".

      Angelo

      Elimina
    2. Eccolo:

      http://amicidellortodue.blogspot.it/2012/08/semi-di-carota.html

      Angelo

      Elimina
  7. trovato e letto, l'avevo anche visto ma non ricordavo. ottimo e grazie.

    RispondiElimina