martedì 3 aprile 2012

Ulivo

di Angelo Passalacqua

L'impresa non è delle più semplici, di una pianta "simbolo" come l'ulivo hanno scritto e parlato fin dai tempi più lontani. Parlare di tutte le varietà di olive coltivate sarebbe impossibile, troppe e tutte meritevoli di essere messe in risalto.

Albero simbolo e sacro, a cominciare dai Greci, con l'oleastro di Atena portato da Eracle Dattilo dall'Asia minore, lì cresceva spontaneo, i contadini selezionarono le varietà e dalla pianta selvatica Olea europaea oleaster venne fuori l'oliva che conosciamo. I Fenici diffusero l'ulivo in tutti Paesi meta dei loro viaggi. Chi, nella Grecia Antica, osasse tagliare l'ulivo era messo a morte!

L'Albero della Luce, non solo perchè l'olio di oliva bruciava nei templi degli Antichi, poi dei Romani, dei Cristiani, anche Maometto parla di un misterioso "albero benedetto, un olivo che non sta ad Oriente nè ad Occidente, il cui olio illuminerebbe anche se non toccasse fuoco. E' Luce sulla Luce", nella XXIV Surat sulla Luce

Elencare le varietà pugliesi sarebbe tempo sprecato, sono centinaia, ne cito qualcuna come la Bella di Cerignola (in foto sopra), Cima di Bitonto, Termite di Bitetto, Cima di Mola, Mele, Cima di Melfi, lucana come la Majatica di Ferrandina, la leccese Cellina di Nardò

La Dolce di Messina


La Taggiasca e la Bella di Cerignola


http://it.wikisource.org/wiki/Le_odi_di_Orazio/Libro_secondo/VI?match=la

Voglio parlarvi di olive antiche, quelle di Orazio e Virgilio, in giro tra Venafro e Taranto...http://www.parcodellolivodivenafro.eu/files/Brochure-Parco-dell-Olivo-di-Venafro.pdf

http://www.francovalente.it/2009/01/22/gli-olivi-e-lolio-di-venafro/

http://it.wikipedia.org/wiki/Galeso

http://www.tarantoincartolina.com/public/pdf/Saggio_galeso_II.pdf


I poveri olivi secolari non hanno pace, quelli spiantati e mandati al Nord, d'Italia e d'Europa, incontro a morte sicura... Sacrificati al progresso (?) o all'allargamento delle superstrade, ieri ed oggi



http://www.salentosummervillage.com/2012/03/17/a-rischio-8mila-ulivi-salentini-per-l%E2%80%99ampliamento-della-maglie-otranto/

http://www.schirinzi.it/foto-ulivi-salento-puglia.htm

http://www.perieghesis.it/Atlante%20degli%20olivi%20del%20Tarantino/Indice.html

4 commenti:

  1. Ciao Angelo,
    qualche consiglio per la lotta alla mosca?

    Paolo aveva consigliato la coltivazione della Colombara e della Nocellara dell'Etna, varietà un po' più resistenti, ma non siamo riusciti a trovarle nei vivai.

    Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Roberta,
      non mi stupiscela notizia dell'introvabilità di vecchie varietà, magari puoi partire da varietà da innestare in un secondo tempo.

      Per la mosca leggi qui:

      http://www.compagniadelgiardinaggio.it/phpBB3/viewtopic.php?f=15&t=10658

      Angelo

      Elimina
  2. Ciao Angelo, noi con la Cellina di Nardò non abbiamo problemi di mosca cero sono olive piccine ma producono bene.
    Certo tu lo sai bene per il raddoppio della statale 16 hanno divelto 8000 ulivi centenari,raddoppio praticamente forse utile a qualche politico e noi sappiamo anche chi, peccato ma così è e nulla è stato possibile fare
    Auguri di buona Pasqua LILIANA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Liliana,
      ricambio gli auguri, col mio solito colpevole ritardo...

      La Cellina è ottima varietà d'olivo, forse è una varietà delle Liciniane, come l'Aurina di Venafro:

      http://spigolaturesalentine.wordpress.com/2011/10/28/olive-celline-perche-questo-nome/

      Angelo

      Elimina