domenica 11 aprile 2010

Cardi

I Cardi
Famiglia:  Asteracee

di Angelo Passalacqua



Dopo i cardi selvatici è ora la volta di due cardi coltivati, li coltivo da molti anni, lascio andare a seme molte piante tutti gli anni, visto che, a differenza dei carciofi, la moltiplicazione del cardo si fa coi semi.




Il Cardo di Bologna è una varietà "inerme", senza spine, in altezza supera i due metri, le coste sono grosse e piene. Nella foto potete notare gli steli dell'anno precedente.



Le foglie hanno un colore che tende al grigio. Queste piante in foto sono state seminate 15 anni fa, praticamente fanno tutto da sole visto che mi limito a raccoglierne i semi, le piante per l'uso alimentare sono coltivate come "annuali".



Il Cardo centofoglie ha una stazza minore, un metro e venti circa, le coste sono più piccole ma, come fa notare il suo nome, molto più numerose. Il sapore delle due varietà è appena amarognolo, gradevole. Le piante sono robuste, in pratica non hanno bisogno di alcuna cura, a parte la semina e qualche annaffiatura.



Regola comunemente accettata dice che del cardo si mangiano solo le coste, ma come abbiamo visto col cardo mariano, i giovani capolini sono una squisitezza da provare!

Link:
http://www.agraria.org/coltivazionierbacee/cardo.htm


 

6 commenti:

  1. Ciao, vorrei sapere se è possibile ricevere dei semi di cardo.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho disponibili semi dei vari cardi, quelli "freschi" li raccoglierò tra qualche mese, appena maturano. Scrivi al mio indirizzo-mail.

      Angelo

      Elimina
    2. Grazie mille per la disponibilità, ti mando una mail.
      Ciao

      Elimina
  2. l'anno scorso ho seminato i cardi.
    quest'anno l'unico esemplare sopravvissuto è andato a fiore e inoltre dalla pianta sono nati dei piccoli cardi.
    Devo trapiantarli o li lascio dove sono?

    grazie

    Giuseppe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trapianto dei carducci è meglio farlo in Settembre, se sono di grandezza accettabile. Valuta tu in base alle tue esigenze se trasferire le piante o lasciarle in loco.

      Angelo

      Elimina
    2. I carducci hanno già una grandezza accettabile, li trasferirò a settembre, magari ne lascio uno in loco per vedere le differenze.

      grazie

      Elimina