venerdì 18 gennaio 2013

I PERI

PERI E PERE 

di Angelo Passalacqua

Pianta "femmina" per eccellenza, Pyrus, millenni fa era sacra alla Luna, Selene, poi ad Era ma anche ad Atena, dea della Morte per i Greci, chiamata anche Onca (Pero). A differenza nostra, in Cina il colore bianco è simbolo di Morte, noi preferiamo considerare la pera, per la sua forma che ricorda il ventre femminile, simbolo erotico e di Vita.

http://www.agraria.org/coltivazioniarboree/pero.htm 

In Svizzera, nel cantone di Argovia, i genitori piantavano un albero di melo alla nascita di un bimbo, un pero per una bimba, convinti che piante e fanciulli fossero accomunati per la crescita.

Ho diviso in più parti questo post, ho avuto la fortuna di trovare molte varietà di pere, spero che le tante foto siano gradite... Partiamo con il portainnesto ideale per la mia zona, dove cotogno e pero selvatico soccombono alla siccità ed alla Murgia  calcarea.

http://www.proverde.it/Pubblicazioni/pero%20mandorlino.pdf 


I piccoli frutti del Perastro sono immangiabili alla raccolta, tenendoli in casa maturano ed ammezziscono, la polpa scura prende profumo e sapore di pera.

     
I piccoli semi si interrano, poi non si dovrà più far nulla se non attendere con tanta pazienza!






Le varietà sono moltissime, i nomi centinaia perché la stessa pera cambia nome per ogni zona di coltivazione


Coscia, Bella di Giugno, Morettini, Recchiafalsa e Falsarecchia...


Carmosina, Favarsa, Cannellina...


Spadona d'estate, Tricase, Spadoncina...


Pera di Santa Lucia, di San Giovanni...


Cannellina, Volpina...


William, Max red Bartlett, William rossa...




Fine prima parte

7 commenti:

  1. Come mi piacciono le perine piccoline, che carine! Hai davvero ogni tipo di pianta, mi piacerebbe vedere di persona quello che coltivi

    RispondiElimina
  2. Ciao Claudia,
    mi piace avere tutto quello che "trovo"...

    Se passi dalle mie parti sei la benvenuta!

    Angelo

    RispondiElimina
  3. che bella collezione! è una grande soddisfazione, oltre che una gran fatica! perchè la terra è bassa... ricettina invernale: pere da inverno, quelle durissime, immangiabili da crude, tipo le martin sec, le limoncine o altre invernali: tagliarle a quarti e privarle dei semi ma non della buccia. metterle in un pentolino con abbondante vino nero, zucchero a piacere, cannella, chiodi di garofano, anice stellato... secondo i gusti. coprire e far cuocere fino a quando saranno ammorbidite e di un colore violaceo. far tirare il sugo o aggiungee vino, secondo la necessità. indi gustare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela,
      grazie per la ricetta ma conosco l'uso della cottura delle pere vernine, a differenza di Claudia il vino l'apprezzo! Se non vuoi attendere la maturazione delle grosse Decane, la cottura delle stesse in un Rosso robusto è... la morte loro!

      Angelo

      Elimina
  4. Non mi piace il vino, ma così con le pere dev'essere una cosa deliziosa

    RispondiElimina
  5. Ciao Angelo!
    Ho qualche dubbio:
    - leggendo il testo del link sul pero mandorlino (http://www.proverde.it/Pubblicazioni/pero%20mandorlino.pdf) mi sono chiesto a cosa possa servire l'acqua per l'estrazione dei semi del pero mandorlino. Non è sufficiente aprire i frutti, estrarli a mano e lasciarli ad asciugare qualche giorno?
    -i frutti del pero mandorlino utili alla semina vanno raccolti al livello di maturazione della foto 1 o della foto 2 del tuo post?
    - il periodo ideale di semina è quello immediatamente successivo alla raccolta?

    Grazie per quello che ci insegni!

    Marco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehilà Marco,benvenuto!

      I semi vanno lavati in acqua prima di metterli ad asciugare, non fare il laborioso lavoro di estrazione consigliato, basta aprire i frutti maturi e prendere i semi.

      I semi puoi prenderli dai frutti maturi ancora commestibili, quelli della seconda foto, come pure dai frutti dalla polpa inacidita e caduti al suolo.

      Il periodo di semina è quello osservabile in natura, le pere cadono a terra ad Ottobre-Novembre, i semi prendono la dose di freddo giusta per perdere la "dormienza" e germogliare. Ricorda che le piantine sbucheranno in primavera e saranno alte pochi centimetri ma l'apparato radicale è molto ma molto più esteso!

      Angelo

      Elimina