lunedì 30 settembre 2013

POMODORI DI OTTONE 2013

Qualche foto dei miei pomodori di quest'anno....
Nel complesso una buona annata.

Il migliore si è rivelato quello di Palmiro e Alessandro n.2, frutti grandi e di ottimo sapore. Ho tenuto i semi.

Palmiro e Alessandro n.2

Palmiro e Alessandro n.2
S. Marzano Nano
 Ottimo anche il negro murciano. Ho tenuto i semi anche di quello:


Queste sono 11 delle 20 varietà seminate, 19 hanno fruttificato.

In senso orario da sinistra:
  • tondino rosa di benevento, 
  • murciano negro, 
  • moruno de socuellamos, 
  • cuore di bue di bettona, 
  • gigante di ingegnoli, 
  • ikea, 
  • s. marzano nano, 
  • san marzano, 
  • kumato, 
  • pursemmina, 
  • in alto grappoli di ciliegino del Salento.


43 commenti:

  1. per curiosità, qual è la varietà che non ha fruttificato?

    RispondiElimina
  2. I mitici pomodori di Ottone! Complimenti, come sempre sono magnifici.

    RispondiElimina
  3. grazie claudia, troppo buona! @ il gigante: il pomodoro che non ha fruttificato è un russo, di cui non mi è stato detto il nome, e dovrebbe essere un gigante...

    RispondiElimina
  4. Ciao Daniela,

    complimenti per l'ottima riuscita, come sempre. delle tue coltivazioni! Proprio una bella "vista" questa ennesima galleria di pomodori.

    I "pomodoroni" di Palmiro e di Alessandro li avevo già visti nelle foto inviatemi da Alessandro, assieme ai semi. So che dovrei vergognarmi nel dirlo, ho le foto ed i testi inviati da Alessandro nella primavera 2011 che attendono una pubblicazione... Lo contatterò e vediamo di pubblicare questo post in attesa.

    Angelo

    RispondiElimina
  5. Che bei pomodori!
    Hai usato particolari accorgimenti per riprodurre le varie specie in purezza?
    Complimenti e cordiali saluti
    Alessandro

    RispondiElimina
  6. tutti gli anni coltivo una ventina di nuove varietà e raccolgo i semi solo dei migliori, 2 o 3, non sono isolati, ma in genere i pomodori si ibridano difficilmente e l'anno successivo sono sempre uguali.

    RispondiElimina
  7. Veramente pomodori invidiabili complimenti.
    Vivendo in Salento mi ha molto incuriosita il Ciliegino del Salento.
    Come già detto ad Angelo ho avuto una bruttissima esperienza con degli ibridi che mi furono spacciati come pomodori locali.
    Se,quando sarà possibile,ti resteranno alcuni semi del Salentino,se non sarà un problema per te,mi farebbe molto piacere poterne avere qualcuno.
    Grazie Liliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va bene liliana, allora procedo all'estrazione. ci sentiamo tra un po'. ricordamelo se mi passa di mente. ti consiglio anche il tondino rosa di benevento, ottimo da serbo e di sapore.

      Elimina
    2. Grazie Ottone,
      consiglio gradito ma qui purtroppo non trovo altro che confezioni di semi
      delle più note ditte nazionali di semenze tutte uguali e se chiedo ai così detti contadini mi rifilano "porcate"
      Te lo ricorderò sicuramente
      grazie ancora
      Liliana

      Elimina
    3. il mio tondino rosa di benevento, quello nella foto nel cestino...

      Elimina
    4. Ho capito ottone, grazie mille per la delucidazione!
      Sapresti dirmi tra le piante da orto quali sono quelle che si ibridano con più facilità e quali tendono a non ibridarsi?
      Io ho saputo che i cocomeri tendono a ibridarsi

      Elimina
    5. liliana i semini sono pronti, come faccio a contattarti? ciao ottone

      Elimina
    6. Ciao Ottone,rispondo solo ora perchè raccogliendo le olive sono caduta dalla scala,quella piccola per fortuna,come una cretinetti e sono ancora un poco ammaccata.
      Angelo ha il mio indirizzo mail,fattelo dare mi scrivi ed il ti mando il mio recapito postale.
      Non so come ringraziarti spero di poter ricambiare
      Lilina

      Elimina
  8. senz' altro angelo ne sa più di me su quest'argomento. posso dirti che i pomodori praticamente non si ibridano mai, i peperoncini piccanti è raro, le zucche è fisso che si ibridino. questo è quello secondo la mia esperienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scuso con chi conosce già questa storia.
      Noi siamo stati vittime di ibridazione di pomodori solo una volta. Parecchi anni fa quando non mi occupavo ancora di orto un vicino ci regalò dei pomodori "a peperone". Quadrati, gialli, vuoti dentro, con polpa dura e insapore e buccia spessa e dura. Proprio come un peperone, ma senza sapore, nè di pomodoro nè di peperone.
      L'anno seguente tutti i semi tradizionali che i miei conservavano di anno in anno si erano ibridati con questo pomodoro quadrati, ed erano usciti con polpa arancione, dura, insapore e buccia spessa.
      E' stata l'unica volta. Certi anni pianto due piante per tipo e l'ibridazione non si è ripetuta.
      Riguardo i peperoni è più facile che il peperone piccante ibridi quello dolce, ma non metto mai tante varietà quindi ho meno esperienza.
      Confermo l'estrema facilità di ibridazione delle zucche.

      Elimina
  9. Grazie mille a entrambi!
    Secondo voi come potrei fare a riprodurre in purezza le due varietà antiche di zucca ( "Giraumon galeux Eysines" e "Sibley" ) che vorrei coltivare al prossimo ciclo primaverile?

    RispondiElimina
  10. La sera devi individuare almeno un fiore maschile e almeno un fiore femminile e legarli perché non si aprano oppure racchiuderli in un sacchettino di tulle, per non fare avvicinare gli insetti.
    La mattina seguente impollini a mano e richiudi il fiore impollinato nel sacchettino. poi metti un segno per non dimenticare che quella sarà la zucca di cui tenere i semi.
    Quando cadrà il fiore potrai eliminare il sacchettino.
    Meglio farne più di una perché non sempre le zucche arrivano a maturazione.
    Ovviamente il fiore maschile e il fiore femminile devono essere della stessa varietà, anche se non necessariamente della stessa pianta.

    RispondiElimina
  11. che dici claudia, per semplificare l'operazione potrebbe andar bene avvolgere tutta pianta con del tessuto non tessuto?

    RispondiElimina
  12. Forse una zucchina, ma le mie zucche sono lunghe metri e metri. Dovrei imparare a potarle. Se ci fosse un modo per farle rimanere piccine ma ugualmente produttive sarebbe tutto molto più semplice. Dai suggerite! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le ibridazioni è impossibile rispondere con poche parole, magari rileggetevi i manuali che ho segnalato più volte. Alcune varietà di pomodoro possono ibridare altre varietà, come insegna Claudia, di solito però non accade.

      Per le zucche e zucchini sconsiglio di potare, anzi la produzione continua per mesi se si eliminano le foglie partendo dal colletto, lasciando solo le foglie in cima alle punte! Non è poi così difficile impollinare a mano!

      Angelo

      Elimina
    2. Stiamo rovinando i commenti al post sui pomodori di Ottone con i commenti sulle zucche... spero che Arvalia ci perdonerà questo disordine.
      Angelo, vorrei un tuo parere sulla potatura delle zucche rampicanti.
      Di solito tagliavo la cima della pianta di zucca dopo i frutti, uno per quelle enormi, due per le grandi, tre per le medie, quatto o 5 per le piccole.
      Quest'anno non l'ho fatto, non mi sentivo.
      Secondo te è meglio farlo?
      La produzione di zucche quest'anno è stata scarsa, i rami hanno continuato a correre e fiorire ma siccome non impollinavo pochi frutti hanno allegato in ritardo e li ho raccolti come zucchine. Non posso dire nulla riguardo la qualità di quelli lasciati maturare perché non le ho ancora assaggiate.

      Elimina
    3. Roberta metterà in ordine, appena può!

      Io non poto mai zucche e zucchini, caroselli o meloni, faccio l'esatto contrario, elimino le foglie vecchie dai fusti lasciando le foglioline nuove all'apice dei fusti, in questo modo le piante crescono e fruttificano per mesi!

      Quest'anno ho avuto produzione limitata per molti ortaggi, c'erano pochissime api in giro ma anche gli ortolani convenzionali-chimici non hanno avuto più fortuna di me...

      Spero che tu non abbia problemi per ie zucche da serbo, le mie danno segni di scarsa serbevolezza!

      Angelo

      Elimina
    4. Mi hai appena sollevato dal senso di colpa per non avere potato le zucche.
      Ho avuto anche io produzioni limitate, anche se c'erano api e moltissimi bombi. Incolpo il freddo primaverile per le melanzane, zucche e altro, e forse il tanto cercato concime "vero" per la macchia nera ai pomodori.
      Le zucche non sono ancora completamente mature. Le abbiamo srotolate dalla struttura della serra e portate sotto alla serra, che ora è coperta, anche se non ci sono ancora le porte. Così hanno qualche possibilità in più di maturare. Mai avute zucche così immature.

      Elimina
    5. @ Angelo: questo tuo sistema di potare "al contrario" le foglie basali anziché gli apici mi incuriosisce; è un metodo tradizionale oppure lo hai inventato tu?
      Quali trucchi usi per conservare le zucche?
      Io ho provato a potare le piante di zucca come da "manuale" e cioè cimare ripetutamente le piantine giovani per stimolare l'emissione dei rami di II° e III° e IV° ordine, e ho provato anche a non potare per niente; non ho riscontrato evidente differenza, le zucche si formano egualmente nello stesso tempo.
      Per conservare le zucche le tengo nel locale meno freddo e più asciutto che ho, ma non mi durano mai molto, il guasto comincia sempre all'attacco del picciolo.

      @ Claudia: se può consolarti anche qui nel mio freddo quest'anno le zucche (e molti altri prodotti) sono rimaste indietro, un anno così "mediamente freddo" non lo vedevo da tredici anni, cioè da quando ho cominciato ad osservare l'andamento climatico.
      Ma ciò nonostante ho raccolto di buono e di tutto, e l'anima mia glorifica il Signore ...

      Elimina
    6. @Giovanni
      La "mondatura" è una vecchia pratica oramai in disuso, serviva sia negli orti in seccagna che in quelli irrigui, il fine principale era quello di limitare la richiesta idrica delle piante, eliminando il circolo vizioso di acqua+nutrienti=crescita vegetativa enorne ma niente frutti!

      Prezioso il tuo esperimento, inutile perdere tempo a cimare! Le zucche per i semi le stacco lasciando un pezzo di stelo di 15/20 centimetri ma la conservazione risente dell' clima dell'annata, questo è stato un anno-no!

      Angelo

      Elimina
    7. Giovanni, anche io sono contenta della produzione, perché ho avuto chenopodio, amaranto, borragine... ma come verdura "tradizionale" solo qualche pomodoro, zucche ma non so ancora se sono buone e poche melanzane ping tung.
      Non sono una che fa tanto caso alle critiche dei vicini, però a volte ho il desiderio di fare vedere che "anche io" posso ottenere anche zucchine dalle piante di zucchina. D'accordo che mi piacciono anche le foglie, ma insomma, una zucchina ogni tanto risolleverebbe un po' le opinioni sulla mia scelta di seminare anzichè acquistare le piantine al mulino.

      Elimina
    8. orto delle piane, la conservazione dipende anche dalla varietà di zucca. non so quale varietà tu abbia coltivato, ma ci sono zucche di elevata conservabilità, e altre no.

      Elimina
    9. Ciao Daniela, visto che tu pubblichi pomodori tanto grossi è normale che poi si finisca per parlare di zucche ...
      Le varietà che ho provato a conservare sono la "marina di Chioggia" e la "iron cap" , quest'ultima un amico agricoltore la riesce a conservare sino al nuovo raccolto dell'estate successiva, avrà ambienti più tiepidi e asciutti dei miei ...

      Elimina
    10. beh, allora si. magari anche più aerati.

      Elimina
    11. @Angelo: mi piacerebbe consultare i manuali che hai segnalato sull'ibridazione.
      Io però vorrei riprodurre le linee in purezza, distinte, e non ibridarle.
      Grazie

      Elimina
    12. Ciao Axel,
      ti rispondo io al posto di Angelo.
      Il manuale a cui si riferiva Angelo è questo:

      http://amicidellortodue.blogspot.it/2011/07/semi-in-purezza.html

      Altre considerazioni le puoi trovare nei titoli dei post organizzati per temi in questa pagina.

      http://amicidellortodue.blogspot.it/p/tecniche-di-coltivazione.html

      Per ogni altra curiosità chiedi pure.

      Robera

      Elimina
    13. Grazie Roberta,
      Axel potrà cimentarsi con i semi in purezza!

      Angelo

      Elimina
  13. Io sono perplessa dalla pratica di eliminare completamente le foglie.
    E' un'abitudine che ha mia mamma, non sulle zucche.
    Per esempio le melanzane rosse circa un mese fa erano piene di frutticini (finalmente) e dopo l'eliminazione delle foglie la crescita dei frutti si è fermata.
    Si sono ingrossati solo i frutti sulle uniche due piante che ho "salvato" dalla defogliazione.
    Sulle altre piante adesso stanno spuntando nuove foglie e le melanzanine sembrano riprendere la crescita.

    RispondiElimina
  14. Giusto. Per esempio le tanto decantate Galeux d'Esynes da me sono venute senza sapore e sono marcite subito

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io le coltiverò nel prossimo ciclo di coltura, non sapevo che fosse una varietà decantante. l'ho presa su cocopelli per il fatto che era una varietà antica, come l'altra varietà di zucca che ho preso.
      Le farò su aiuole rialzate con metodo sinergico. il terreno è prevalentemente argilloso ma aggiungo terriccio quando motozappo per la preparazione dei bancali.
      tu in che terreno le hai coltivate?

      Elimina
    2. Il terreno di base è argilloso. Erano piantate nella serra, che d'estate viene scoperta. Questo terreno è il più morbido che abbiamo perché, oltre alle aggiunte fatte normalmente nell'orto, in serra trapiantiamo tutte le piantine con il loro terriccio, non appena le temperature notturne lo consentono.
      Così il terreno resta più soffice.
      Se vuoi qui ci sono le foto.
      http://www.fioridiaia.altervista.org/index.php?p=search&searchfields=1039&words=Galeux%20d'Esynes
      All'inizio di luglio sono marcite, ben prima di essere completamente mature.
      Ci racconterai i tuoi risultati? Grazie.

      Elimina
    3. anni fa mio padre ha coltivato le galeux d'esysines. nell'orto come tutto il resto e si sono rivelate zucche di notevole qualità gustativa, oltre che belle. secondo me le tue zucche ti sono marcite perchè le hai coltivate in serra, anche se aperta. perchè non le coltivi all'aperto?

      Elimina
    4. Secondo me se a una serra togli la copertura di plastica diventa all'aperto, non c'è nemmeno l'ombra fatta dalla rete, perché i tralci escono dalla rete e i frutti si formano al di fuori.
      Le zucche vengono tutte bene tranne la galeux d'Esynes, si vede che non è il posto giusto, ma non per colpa della serra, perché dopo tolta... non c'è più!
      http://www.fioridiaia.altervista.org/albums/anni-precedenti/estate-2010/10%2006%2020%20zucca%20galeux%20d%27esynes.JPG
      http://tinyurl.com/qdhm4g2
      http://tinyurl.com/nmpw6z6
      http://tinyurl.com/orgxt9r
      http://tinyurl.com/oxs4psn
      http://tinyurl.com/oxs4psn

      Elimina
  15. ciao ottone sono nuovo e ti faccio i complimenti per i tuoi stupendi pomodori ,in particolare mi incuriosiscono i ciliegino del salento in giro ho guardato ma i semi non si trovano,poi anche a trovarli ti rifilano certe schifezze..



    RispondiElimina
  16. dimenticavo saluti a te e a tutti voi da Sergio di biella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuto Sergio,

      ricambiamo i saluti, Daniela-Ottone si farà presto viva, posso assicurartelo!

      Angelo

      Elimina
    2. grazie sergio! se ti interessano posso estrarne un po' da quelli che ancora sono sulle piante. li ho finiti mandandoli a liliana, ma essendo che non le sono ancora arrivati e chissà se le arriveranno mai, mi sa che devo estrarne ancora anche per lei, tanti saluti!

      Elimina
  17. ciao Daniela sei molto gentile ti mando un'email col mio indirizzo senza impegno

    RispondiElimina