lunedì 11 maggio 2009

Pomodori, un mese dopo

di Paolo Basso

Ed ecco la situazione ad un mese dal trapianto: i primi giorni c'è stato un abbassamento delle temperature, parecchia pioggia e le piantine sono state un po' ferme, ho anche spruzzato della poltiglia bordolese perchè qualche foglia iniziava ad essere aggredita dalla peronospora.

Poi è tornato il sole e temperature più miti, ho rincalzato le piante creando il solco centrale per annaffiare, tolto le femminelle e finalmente si iniziano a vedere i primi pomodori allegati.




Queste piante più scure sono la varietà Nuits Australes, un pomodoro dal colore scuro ma ottimo e con buona resistenza alle malattie




mentre queste più chiare sono la varietà Pisanello, pomodori rossi molto costoluti che lo scorso anno mi hanno reso bene.



Nel frattempo ho trapiantato piantine di altre varietà, sono semi appena ricevuti dagli scambi e che quindi non conosco ancora.
 

Nessun commento:

Posta un commento