domenica 10 gennaio 2010

Altri pomodori 3

Altri pomodori/3
di Angelo Passalacqua


Concludo la rassegna dei pomodori che ho coltivato nella stagione 2009, scusandomi per la qualità delle foto, problemi informatici mi hanno privato delle immagini migliori. 

Iniziamo dal pomodoro Big Rainbow, un grosso pomodoro di ottimo sapore, appartiene alle cosiddette varietà da chilo, la pianta cresce molto e abbisogna di sostegni. 



Caratteristica evidente la presenza all'interno di striature rosse nella polpa gialla. 



Il sapore ottimo tipico dei pomodori gialli, dolce ed aromatico.



L'Opalka ha la forma allungata, tipica di pomodori dalla polpa carnosa ma, a differenza di altri, presenta una caratteristica base incavata 



La vegetazione è esuberante, la produzione non abbondante, non soffre di marciume apicale. Buona resistenza alle malattie. 



Sarebbe l'Ovetto anche se è tondo, l'amico toscano che mi mandò i semi mi aveva avvertito... Un tondino simile ad altri, buono di sapore ma di pelle dura. Pianta piccola, buona produzione e resistenza. 



Non è il giallo vernino ma un Tondino giallo da consumo fresco, sapore dolce, polpa abbondante per le dimensioni, pelle non dura. Piante cespugliose, nessun problema di malattie. 



Prima varietà di pomodoro non "ufficiale", i semi li ho ricevuti da amici che militavano come me in un'associazione di appassionati. A dire il vero, non è la varietà corrispondente a quella indicatami ma, non conoscendo il pomodoro, non posso dare certezze. Mocchiut dovrebbe essere il pomodoro, dimensioni medio-grosse, sapore non eccezionale, polpa troppo acquosa ed insipida. Ma potrebbe essere venuto così nei miei terreni. 



Sorpresa molto piacevole la Tomata del Sandro, un piccolo pomodoro giallo dalla eccezionale vitalità, la crescita della pianta cespugliosa è esplosiva, produttività notevolissima. Il sapore è insolito, "selvatico", la polpa è croccante, pelle masticabile. 



Non è una novità, è il Giallo da inverno, ma volevo mostrarvi le numerose varietà "locali" presenti in Puglia. Provengono da due città diverse e si direbbero due varietà distinte. 
Invece è sempre lo stesso pomodoro...   

 

Nessun commento:

Posta un commento