lunedì 28 giugno 2010

patata Ratte

La patata Ratte
Solanum tuberosum   Fam. Solanacee

di Angelo Passalacqua


Fresca di raccolta, la patata Ratte ha confermato tutte le qualità che vengono attribuite ad essa.


Conosciuta anche col nome di patata asparago per la sua caratteristica forma dei tuberi, allungata e di diametro ridotto. La buccia è di color giallo chiaro, la polpa è anch'essa gialla a pasta molto compatta, tra le patate che coltivo e conosco la pongo al primo posto come durezza di polpa.


Ricorda la patata Corniola ma solo come aspetto dei tuberi, le Ratte sono molto più grosse, come peso sono al livello di varietà come la Monnalisa o la Cicero.


Non mi trova d'accordo la classificazione di patata a bassa resa riferita alla Ratte, qui nella foto vedete la produzione di una pianta, tenendo presente che la patata-seme era lunga cinque centimetri... (data la forma, non posso dire "di diametro"!)

Come sapore è veramente unica, difficile da descrivere, ha il gusto di castagna, regge la cottura meglio di tutte le varietà di patate.

http://www.gastronomiaycia.com/2009/05/15/patata-ratte/

Non è per esteroflilia che metto un sito che parla spagnolo, ma non ho trovato notizie in italiano con una bella foto come questa!


1 commento:

  1. I commenti del vecchio blog

    -----------------
    02 Luglio 2010
    -----------------
    Questa la devo proprio provare, almeno è di un colore che si nota, non come la Vitelotte che sto raccogliendo adesso, ben mimetizzata nella terra umida.

    La corniola la raccolgo domani, poche piante ma bastano per l'assaggio e per la semina del prossimo anno.

    Paolo

    -----------------
    27 Dicembre 2010
    -----------------
    Qualche precisazione riguardo la Ratte.

    Qualcuno fa un pò di confusione ed afferma che Ratte e Corniola sono la medesima patata! Non lo sono, la Corniola è di dimensione sempre minore, poi è "diversa".

    Nel link tedesco che ho citato la Ratte è abbastanza diversa da quella che ho coltivato, però in base ad altre notizie che ho trovato, credo non ci siano dubbi:

    http://www.pommedeterrequebec.com/en/varieties

    http://mimmapallavicini.wordpress.com/2010/04/07/la-mia-idea-di-orto/

    http://www.parks.it/parco.po.to/dettaglio_prodotto.php?id_prodotti=3133

    Angelo

    -----------------
    27 Dicembre 2010
    -----------------
    Sempre al banco del mercato in Francia ho comperato 4 patate che il cartellino chiamava 'ratte'. Ormai mi avete contaminato!!!
    Ma sono piccole (dubbio) forse non erano 'ratte'
    Angelo tanto per intenderci hanno la stessa forma di quelle della tua foto ma sono lunghe al max 5 cm.
    Continuo. ho comperato anche 4 patate chiamate 'grenaille' troppo belle!!!
    sempre piccole tondeggianti con buccia giallo-verde e con molti occhi rossi.

    Questa primavera mi lancio nella semina delle patate (mai fatta)
    Piero

    -----------------
    28 Dicembre 2010
    -----------------
    Io ti dò un consiglio alla buona, gli altri ti spiegheranno meglio.
    Prendi tutte le patate al meraviglioso mercatino, le assaggi, di quelle che preferisci ne pianti una piccola quantità e poi vedi!
    Bisogna tenere conto anche delle proprie condizioni climatiche e di terreno.
    Dopo avere visto la resa, per il gusto che può variare anche di molto e per tanti altri fattori (produttività, resistenza ai parassiti o alle condizioni) sceglierai cosa continuare a seminare.

    Claudia

    -----------------
    28 Dicembre 2010
    -----------------
    Ciao Piero,

    segui i consigli di Claudia, fai incetta di patate e porta a casa! Se ti avanzasse qualche tubero, potremmo scambiare le varietà.

    Angelo

    -----------------
    31 Dicembre 2010
    -----------------
    Grazie per i consigli. Sono stato un paio di gg via e non vi ho potuto ringraziare. Lo faccio ora che sono tornato per un ultimo dell'anno 'casalingo'.
    Un'assicurazione a quell'ingordo di semi di Angelo: l'incetta è già iniziata!
    Claudia sto facendo proprio quello che mi hai consigliato: cucino in modi diversi e mangio patate del mercato francese.

    Piero

    RispondiElimina