martedì 30 agosto 2011

Carosello Polisello

CAROSELLO POLISELLO
di Angelo Passalacqua



La Famiglia di questi ortaggi pugliesi conta numerosi componenti, vi ho mostrato molte varietà in questo post:

http://amicidellorto.splinder.com/post/21059622

Grazie alla gentilezza ed alla generosità dell'Amico Lino di San Paolo di Civitate posso mostrarvi un altro carosello "unico", lo ringrazio per i semi ed i preziosi suggerimenti.


Per una serie di motivi ho potuto seminare il polisello a fine Giugno, sicuramente in ritardo, visto che ha dimostrato di gradire poco la coltivazione a secco. Poi bisogna tener conto che, nella zona di origine, terreno e clima sono molto diversi dai miei.
http://www.giuseppegalasso.it/Nature.html#/content/20_Nature/

http://it.wikipedia.org/wiki/San_Paolo_di_Civitate



Quando il frutto è molto piccolo è molto simile al mezzolungo di Polignano ma ben presto compaiono sulla pelosa buccia le caratteristiche chiazze più scure.


Il polisello si è curvato per la inconfondibile "sofferenza da sete" ma sapore (eccellente!) e croccantezza non ne hanno risentito!


All'assaggio, il polisello insidia il primo posto al mezzolungo di Polignano nella classifica di miglior carosello, anzi a mio parere ha qualcosa in più! I semi non erano "puri", sono venute fuori più tipologie ma in orto familiare è normale che accada, ripeterò la coltivazione isolando le piante una per una. Se volete darmi una mano in questo "lavoro", fatevi avanti!

42 commenti:

  1. I commenti del vecchio blog

    ----------------
    31 Agosto 2011
    ----------------
    Sono un coltivatore (da balcone) di caroselli. Non avevo mai sentito parlare del "polisello". Per me, il migliore è il barattiere. L'anno prossimo, oltre al barattiere, conto di coltivare il Tondo di Massafra, il Tondo di Manduria, il Mezzolungo di Polignano e di nuovo il Bianco Leccese. Quest'ultimo mi ha recentemente dato nove chili da tre sole piante.
    Una domanda: il carosello può stare nello stesso vaso con la rucola?

    ----------------
    31 Agosto 2011
    ----------------
    Io ho la passione per la disibridazione. Detto così sembra un po' nazista...
    però ho lo spazio solo per due o tre piante. Se va bene mandami questi al posto degli altri caroselli che mi avevi promesso.

    Claudia

    ----------------
    31 Agosto 2011
    ----------------
    Io sono certamente disponibile. Quest'anno ho coltivato solo il mezzolungo di Polignano, questo mi sembra abbia la polpa più bianca. Ho messo ancora tre piante di carosello, seminate ai primi di agosto, ora iniziano a fiorire, vedremo come saranno al mio ritorno dalla vacanza, a fine settembre...

    Paolo

    ----------------
    01 Settembre 2011
    ----------------
    innanzitutto ben ritrovati! in quanto al carosello polisello, mi rendo disponibile per una tipologia sola, così siamo sicuri della non ibridazione.

    Allora a presto
    Ottone

    ----------------
    01 Settembre 2011
    ----------------
    Che nostalgia!
    Il polisello e' qualcosa di fantastico!
    Il panino mozzarella e carosello e' piu' rinfrescante di una granita!
    ...vabbe' forse esagero, ma e' cmq ottimo.
    Dovro' procurarmi i semi entro la primavera.

    Zappatore a Tokyo

    ----------------
    01 Settembre 2011
    ----------------
    Grazie per aver raccolto prontamente il mio appello!

    C'è spazio per altri titubanti "adottandi"...

    Angelo

    ----------------
    01 Settembre 2011
    ----------------
    Per il "coltivatore (da balcone) di caroselli": per favore, mi spieghi in dettaglio come hai fatto a coltivarli in vaso ? Credo che molti di noi siano interessati

    grazie
    Parrafo

    RispondiElimina
  2. I commenti del vecchio blog

    ----------------
    02 Settembre 2011
    ----------------
    Mi cimenterei volentieri nella sua coltivazione, ma non posso garantire la purzza dei semi.
    Il mio vicino coltiva ogni anno siepi di cetrioli e qualche melone, sparso qua e là, si trova sempre. Poi non so se c'è il rischio di ibridazione con le zucchine.
    Non gradisce la coltivazione a secco, ma gli serve molta acqua o gli basta avere l'acqua ogni due o tre giorni?

    Roberta

    ----------------
    02 Settembre 2011
    ----------------
    Di caroselli, qui in salento dove vivo, ce ne scambiamo a iosa!!!!!!! di tutti i tipi, credo comunque nessuno in purezza. C'è un bel mix di forme dimensioni colori e sapori ma tutti buoni. Qui si chiamano anche caroselle i piccoli fiori di finocchio che si mettono sotto aceto e vi devo dire che sono squisiti con i pomodori sulla frisa.

    Ho una domanda stiamo macinando il grano per la prima volta. La crusca è molta ed io non la uso tutta. Non avendo ancora animali, secondo voi può essere usata come concime? e se si, in quale coltura è meglio usarla? e se non come concime come la posso usare?
    Il grano è chiaramente nostro coltivato steinerianamente, con grande fatica culturale in una campagna dove impera il dio diserbante ecc ecc ...

    Grazie saluti

    ----------------
    02 Settembre 2011
    ----------------
    Mi risulta che i semi del polisello non siano in vendita da nessuna sementiera, una ottima ragione per fare uno sforzo ed ottenere semi puri!
    Devo chiarire che dovremmo partire dai semi che ho ricevuto e, isolando singolarmente le piante, produrre semi in purezza. Io ho seminato tre semi e ottenuto tre tipologie, una sola pianta è quella "giusta"!

    I caroselli non si ibridano con zucche e zucchini, con meloni e cetrioli sì!
    Non sono piante assetate, puoi irrigarle anche ogni 3 o 4 giorni, dipende dal terreno.

    Sono certo che il polisello abbia sofferto per la semina troppo tardiva, infatti riesco a coltivare a secco anche i tortarelli. Riproverò seminando a tempo giusto!

    Sono d'accordo sulla bontà della carusella-finocchio, la mangio volentieri quando posso! Per la crusca, so che è molto richiesta dai mulini, per rendere integrale una farina "normale", potresti informarti. Non è un concime, va benissimo nella produzione del compost.

    Complimenti per il grano biodinamico "made in Salento"!

    Angelo


    ----------------
    04 Settembre 2011
    ----------------
    Domande!
    1° i fiori di finocchio. Tutti i finocchi che semino o che acquisto fioriscono, vorrei avere maggiori informazioni sull'uso dei fiori, grazie!
    2° i caroselli... davvero si ibridano con i cetrioli? A che distanza li devo mettere, per evitare di insacchettare i fiori?

    Io quest'anno ho coltivato i caroselli accanto ai cetriolini messicani, spero di non avere rovinato la mia semente.

    Claudia

    ----------------
    04 Settembre 2011
    ----------------
    Ciao Claudia,
    la ricetta delle caroselle è molto semplice:

    http://www.salentu.com/ricette-salento/ricetta.asp?ID_ricette=309

    Poi metto qualche foto...
    Il finocchio selvatico è ancor meglio!

    I caroselli si ibridano coi cetrioli, infatti qualche ortolano poco attento si ritrova, di tanto in tanto, qualche pianta di carosello coi frutti amari come i cetrioli! Per la distanza, la maggiore possibile, meglio se frapponi ortaggi rampicanti che creano dei "muri vegetali" che trattengono gli insetti.

    Non posso darti una risposta sicura, mai sperimentata questa cosa, ma al 99% escluderei l'ibridazione caroselli-cetriolini.

    Angelo

    RispondiElimina
  3. I commenti del vecchio blog

    ----------------
    05 Settembre 2011
    ----------------
    Sto studiando una strategia di non ibridazione:

    se al mio vicino, che coltiva cetrioli, il prossimo anno regalo le piantine belle e pronte di polisello, magari si dedicherà solo alla coltivazione di questo. Tra l'altro le piantine saranno regolarmente irrigate e la produzione sarebbe assicurata.

    Nel frattempo, io proverò a coltivare qualche pianta tra le siepi di Sechium edule e topinambur in modo da isolare meglio le piante e produrre i semi.
    Però, avranno bisogno di molto sole o crescono anche in mezzo ad altre piante che gli proiettano ombra? In questo caso, arrampicandosi sui tronchi del topinambur (da me arrivano fino a 2 metri di altezza), non dovrei neanche prevedere di mettere le canne, ma solo l'acqua quando serve.

    Anche voi, usate prendere i semi dai primi pomodori e zucchine che nascono? Ho sentito più di un contadino che fa così per assicurarsi semi che dovrebbero produrre piante che fruttificano più verso la radice che non verso l'apice. Si potrebbe applicare lo stesso principio anche alle altre piante. Ad esempio: mandare in seme il primo polisello che nasce che, in teoria, dovrebbe essere quello che si sviluppa più in basso.

    Roberta
    ----------------
    05 Settembre 2011
    ----------------
    Penso di avere trovato il posto giusto per mettere il polisello: dove avevo cetriolini e caroselli quest'anno. Assolato, e dietro ad un angolo. I cetrioli li metterò dalla parte opposta. Non lontanissimo, ma dietro un altro angolo.
    Se troverò lo spazio metterò anche una pianta di caroselli per vedere se si sono ibridati con i cetriolini.

    Grazie per la ricetta, è semplicissima. I prossimi finocchi fioriti finiranno sott'aceto

    Claudia

    ----------------
    05 Settembre 2011
    ----------------
    Direi che i piani coltivativi di Claudia siano ok. Ed anche i suoi finocchi "alieni" (dovreste vederli in foto per capire!) metteranno la testa a posto...

    Via libera alle semine strategiche di Roberta, anche tra i topinambur i caroselli saranno a loro agio. Per la raccolta dei semi, tenere i frutti del primo palco fiorale non è pratica che si possa attuare a tutte le varietà, ad esempio i caroselli mettono i primi frutti vicino al colletto, a pochi centimetri dal terreno. Io li coltivo a secco ed il problema non c'è ma tieni presente che, irrigando, i caroselli sarebbero sempre a mollo...

    Quanto alla biodiversità dei caroselli, leggete:

    http://www.ortaggipugliesi.it/filearchive/cfc727978f181a45c7f65ac8d0a14705.pdf


    Angelo

    RispondiElimina
  4. Piani falliti! Mi sono dimenticata di chiederti il polisello, quindi ho seminato solo i semi del mio carosello, quello coltivato accanto ai cetrioli

    RispondiElimina
  5. Bisogna fare i complimenti al nostro amico Jay, sta "disibridando" i semi del polisello, ha fatto un preziosissimo lavoro!

    http://scientificgardener.blogspot.it/2012/06/carosello-polisello.html

    http://scientificgardener.blogspot.it/2012/06/rouging-carosello.html

    Quest'anno niente polisello per me, devo seguire altre varietà... Chissà come va a Roberta ed agli altri amici a cui ho mandato i semi!

    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi confesso ignorante in fatto di ibridi vegetali.
      Ma l'argomento mi intriga, e mi piacerebbe imparare qualcosa, tipo pro e contro dell'usare semi ibridati.
      Qualcuno mi sa indirizzare verso qualche bella pagina che tratta l'argomento ibridi vegetali?

      Elimina
    2. Giovanni,
      noi nell'ortobello l'anno scorso abbiamo fatto degli esperimenti con semi ibridi f1 e f2 (descritti sul blog) al di là degli ibridi industriali sono personalmente a favore delle ibridazioni spontanee. Ho sempre dei dubbi sui "semi puri" selezionati, vedo nella diversità solo la forza anche quando i risultati non corrispondono alle aspettative...preferisco le sorprese, il non controllare totalmente la natura - considero la natura più saggia di noi. E' lei che ci disegna la strada da seguire non noi che forziamo i processi naturali.
      Dopo di ciò mi piace sperimentare ed osservare - esperimenti totalmente ascientifici naturalmente!!!
      Pat

      Elimina
  6. Ciao Giovanni,
    il discorso sui semi ibridi è molto articolato, le ibridazioni posso essere casuali o cercate, il polisello è esempio di un lavoro fatto prima da me e poi da Jay. I semi di partenza mi sono stati generosamente inviati dalla sua patria originale, San Paolo di Civitate, su tre piante seminate ho avuto tre tipologie di frutto, ho chiesto al mio fornitore di identificarmi l'originale, così ho isolato l'unica pianta di polisello e da questa ho preso i semi. Jay ha perfezionato il lavoro, sapendo che i semi non erano "puri" ha isolato le piante ed impollinato a mano. Qui però sorge un dubbio non di poco conto: quando facciamo un lavoro simile rinunciamo a molti "ibridi" sconosciuti, però immaginare che una sola persona possa seguire per anni tante varietà è impensabile!

    Sono sicuro che ci sono molti "ibridatori" all'opera nei propri orti, ne conosco anche di professionisti, come Tom Wagner

    http://tater-mater.blogspot.it/

    Ma i semi cambiano di continuo, sentite cosa ci dicono i "contadini":

    http://www.youtube.com/watch?v=uQmaO4N8Big&feature=relmfu

    "Ogni ortolano aveva un cavolfiore diverso, per forma e durata, precoci e tardivi"

    Ognuno ha scelto il suo...

    RispondiElimina
  7. Diverso il discorso di disibridare i semi F.1 e simili, oltre agli esperimenti fatti da Pat ho potuto vederne altri, come il pomodoro "lanternino" di Claudia. Anche qui si ripropone il dilemma: Claudia ha visto tante tipologie di pomodoro nascere dai semi ed ogni anno scartava molte di queste, giustamente non potendo seguirle tutte, valutava quale fosse "la migliore" e di questa teneva i semi.

    Angelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'esperimento che abbiamo fatto noi è un po più incasinato ( forse solo pasticciato) volevamo trovare i caratteri dei genitori di una zucca da dei semi f2 e a sua volta si è ibridata spontaneamente....risultato tante zucche fantasia. Unica considerazione: ognuna a suo modo è unica e ottima, di tutte ne risemineremo solo una- la "zucca Ortobello Road"!(di cui penso di averti mandato dei semi) e cercheremo di fissarne i caratteri.
      Pat

      Elimina
    2. Ringrazio per i vari contributi pubblicati, che già mi hanno insegnato molto.
      Ricavo da questo ultimo di Pat che i caratteri di un ibrido possono (con appropriate procedure di selezioni successive) essere "fissati" nel senso (intuisco) che i semi delle generazioni successive (se non ulteriormente ibridati) riprodurranno con crescente abbondante costanza, e qualche ridotta eccezione (che verrà eliminata), lo stesso tipo di zucca.
      Ho capito giusto?

      Elimina
    3. A dir il vero è un lavoro che tenteremo di fare, in natura partendo da un ibrido in 7 generazioni torni alle due varietà pure di partenza. L'ibridazione va a scalare dimezzando ogni volta la percentuale di elementi ibridi. Il lavoro di disibridazione che sta facendo Jay.
      In realtà noi tenteremo di fissare o selezionare una serie ( variabile non fissa) di caratteri.
      Mi è difficile spiegarmi. Leggi la storia del mais colorato (che stai coltivando):

      http://ortobelloroad.blogspot.it/2011/08/mais-painted-mountain.html

      mi ispirava molto il lavoro di quel contadino.
      Pat

      Elimina
  8. Le mie piante sono ancora piccole. Ho dovuto combattere contro i mangiucchiamenti che avvenivano non appena le mettevo a dimora. In realtà, venivano mangiate completamente e non ne rimaneva traccia. Ora sembra abbiano preso bene e soprattutto hanno resistito a questa ultima settimana senza essere irrigate per tutto il tempo, sotto il sole rovente di caronte!!
    Invece i miei in Sardegna hanno raccolto il primo polisello, bello grande e gustoso che si era ben nascosto alla vista. So che le piante sono piene di frutticini.
    Non so però dire niente riguardo alla forma o ad una possibile ibridazione.

    Roberta

    RispondiElimina
  9. Eh, il lanternino... la disibridazione non è ancora finita.
    Anche quest'anno leggere differenze tra le varie piante.
    Ho iniziato anche la disibridazione del Penny. In origine è un pomodoro da industria determinato.
    Ho ottenuto una sola pianta determinata. Tutte sono cariche di frutti, di forma leggermente diversa.
    Pur non essendo da serbo sono abbastanza durevoli. Il gusto non è eccezionale. Buoni, ma non eccezionali, e un po' farinosi.

    RispondiElimina
  10. Cucumber melon varieties are my favorite as well
    95% of regular open pollinated cucumbers turn bitter where i live
    use of drip irrigation system do not help
    at 97F: poona kheera, Japanese, even few English types can get so bitter that you cannot spit them fast

    enough
    only beit alpha cucumbers and the melon types are reliable here
    I'm growing: carosello barese, painted serpent, metki dark, and normal Armenian.
    they are also growing much better than normal cucumbers
    and do not really suffer from spider mites or leaf diseases
    only when autumn arrives, they are suffering from larvae
    (Pickleworms and melon fly larvae)
    Painted serpent is my favorite, crispy but not to hard
    like eating and drinking mixed together as mentioned here before
    Carosello Polisello I never knew of its existence
    are the seeds available?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Welcome Amaqueq, and thank you for your contribution.
      Where are you from? It seems a very hot place!!

      Don't worry for carosello polisello. It will be available at the end of this season, after harvest. Many of us are growing this cucumber-melon and we hope that everything will be ok, so we can have new seeds. Maybe Angelo still has old seeds.

      Very interesting the variety Poona Kheera

      here

      http://www.anniesannuals.com/plt_lst/lists/general/lst.gen.asp?prodid=3507

      we can read that it comes from India and "The Romans brought seeds to Europe and the modern Cucumbers we know were developed from them"

      Are they really so bitter? Do you think that it can depend from your hot climate? Or from the need of water, that it may be elevated?

      Roberta

      Elimina
    2. Hi Roberta
      Sorry for the late response
      after writing here I was not home for a wile and just now came back
      I live in Israel between the center and north of the country
      temperature here is about 30-34 in the shade
      mostly it is recommended here to use 30% - 50% shade net
      but that year I wanted to make a test and find out what vegetables are the best
      to grow here without anything but drip irrigation and ordinary straw mulching
      Poona Kheera is a very interesting cucumber, it has an very strange look
      like an thick elongated brown sausage with crackle marks when ready
      it is also a bit heavy for its size.
      the skin color varies between rotted brown to rust and many people just afraid to taste it
      the inside flesh is very crisp and white not at all as normal cucumber
      if you will look at a slice of the flesh without the seeds it will resembles an apple
      when grown with sufficient water it will turn very sweet and crisp almost like fruit
      much better than other cucumbers
      it has an shallow roots so it needs the upper layer of the soil to be wet specially during the mid day
      when the sun is pounding
      in most places it is the easiest cucumber to grow but in drought susceptible places
      in order to keep the upper layer wet enough without spending water covered drip irrigation
      can be used in combination with irrigation computer timed to give short pulses every hour or two
      so that the water are always around the roots
      other problem with drought is that spider mites like dry weather and love Poona Kheera
      they are injuring the leaves and the plants dry out.
      In comparison to other cucumbers Poona Kheera is a good producer in terms of total mass
      (nice amount of heavy cucumbers)
      the taste can be exceptional, tasty sweet and crisp
      only if suffering from drought it gets so bitter
      I have seeds if you want to try it out, also from other varieties.
      the melon cucumbers on the other hand can manage the heat with less water
      In mid day when it is hot Armenian cucumbers on the vine are very soft like boiled carrot
      and in the evening they recover and getting hard again retaining their good taste
      and kids like them because of the versatile shape and color
      I have found out few more cucumber melon varietis:
      CAROSELLO Spuredda Leccese Bianco
      CAROSELLO Scopatizzo Barese
      CAROSELLO Mezzo Lungo Di Polignano
      CAROSELLO Tondo di Fasano
      CAROSELLO SPUREDDA LECCESE VERDE
      these ones I have grown already:
      TORTARELLO Verde Barese (metki dark)
      TORTARELLO Bianco Barese (armenian)
      TORTARELLO dark and light stripes (painted serpent)
      Carosello barese(probably mention above in an other name)
      the painted serpent is starting late but it is the best of the four
      if left on the vine it gets very big and yellow and taste like not very sweet melon.
      are there many more varieties of carosello and tortarello?
      which one in the tastiest in your opinion, or which one has what use in the kitchen?

      Elimina
    3. Hi Amaqeq,
      before the answer, I'll write down the translation in Italian, so that even the other friends will be able to understand what you said:

      TRADUZIONE:
      Vivo in Israele tra il centro e il nord del paese, dove le temperature si aggirano tra i 30 e i 34 gradi all'ombra. Per coltivare si consiglia vivamente di usare un rete che garantisca un ombreggiamento che si aggira tra il 30 e il 50%.
      Ho provato a fare una prova e a scoprire se e quali ortaggi riescono a crescere senza questi accorgimenti, ad eccezione dell'irrigazione a goccia e della pacciamatura in paglia.

      Poona Kheera è un cetriolo molto interessante. Ha un aspetto molto strano, come un grosso ed elegante salcicciotto marrone, con marcate spacacture sulla superficie quando arriva a maturazione completa. È anche un po' troppo pesante per la sua dimensione.
      Il colore della pelle varia dal marrone al rosso ruggine e questo spaventa molte persone che non gradiscono assaggiarlo.

      La polpa è bianca e molto croccante e non è proprio un comune cetriolo. Se si osserva una sua fetta senza i semi, ricorda una mela.

      Se coltivato con una quantità sufficiente di acqua, si può ottenere un prodotto molto dolce e croccante, ceh ricorda il sapore di un frutto, molto più gustoso di altri cetrioli.

      Ha purtroppo radici molto superficiali che rendono necessario garantire un terreno costantemente umido, soprattutto durante le ore più calde del giorno.

      In molti luoghi è la varietà di cetriolo più facile da coltivare.
      In ambienti particolarmente siccitosi, cercando di fare in modo di garantire un minimo di umidità del terreno in superficie, senza spreco di acqua, può essere usato un sistema di irrigazione a goccia in associazione ad un timer che permette l'apertura dell'acqua per poco tempo ogni ora o ogni due ore, in modo che l'acqua tenga le radici continuamente umide.

      Un altro problema della siccità è la proliferazione degli acari che tra l'altro amano il Poona Kheera, colpiscono le foglie e seccano la pianta.

      Paragonandolo ad altri cetrioli, il Poona Kheera produce molto (una bella quantità di pesanti frutti).

      Il sapore può essere eccezionale, dolce e croccante. Solo se soffre la siccità diventa amaro.

      Ho semi se volete provare la sua coltivazione, anche di altre varietà.

      I caroselli, diversamente, riescono a gestire l'intenso calore e la mancanza di acqua.
      Durante le ore più assolate i cetrioli Armeni diventano morbidi come carote bollite e la sera si riprendono e ridiventano sodi, mantenendo il loro sapore gustoso. Ai bambini piacciono molto per i loro variegati colori e la forma.

      Ho scoperto che esistonoaltre varietà di carosello:

      CAROSELLO Spuredda Leccese Bianco
      CAROSELLO Scopatizzo Barese
      CAROSELLO Mezzo Lungo Di Polignano
      CAROSELLO Tondo di Fasano
      CAROSELLO Spuredda Leccese Verde

      Quelli che scrivo di seguito li ho già coltivati:
      TORTARELLO Verde Barese (metki dark)
      TORTARELLO Bianco Barese (armenian)
      TORTARELLO dark and light stripes (painted serpent)
      CAROSELLO BARESE(probabilemnte menzionato sopra con un altro nome)

      Il PAINTED SERPENT si sta sviluppando in ritardo ma è il migliore tra tutti e quattro.
      Se lasciato sul pergolato produce cetrioli molto grandi e gialli che sanno di un melone non molto dolce.

      Esistono altre varietà di carosello e di Tortarello?

      Quali secondo voi sono i più buoni e quali i migliori da usare in cucina?

      Elimina
    4. About the Carosello, I'm not very expert about its cultivation .
      Angelo can surely help you, better than anybody else.

      http://amicidellortodue.blogspot.it/2009/07/caroselli.html
      http://amicidellortodue.blogspot.it/2012/03/melone-carosello.html


      GARDEN WITHOUT WATER
      http://amicidellortodue.blogspot.it/2008/08/orto-senzacqua.html
      http://amicidellortodue.blogspot.it/2009/07/orto-senzacqua-2009.html

      Very interesting the international name of the varieties of carosello and tortarello.

      I'm sure that many of the Friends are interested in trying your seeds.
      Let's wait what the others have to say, about their experience in growing and about its use in the kitchen.

      TRADUZIONE:
      Non sono molto esperta della coltivazione del carosello. Angelo certamente saprà aiutarti meglio di chiunque altro.

      È molto interessante scoprire i nomi internazionali attribuiti alle diverse varietà di tortarello e di carosello.

      Sono sicura che molti Amici saranno interessati a provare i tuoi semi.
      Attendiamo di sentire quello che gli atri hanno da dire a proposito della sua coltivazione e del suo uso in cucina.

      Roberta

      Elimina
    5. Io ho raccolto il mio primo tortarello, dai semi avuti tardissimo da Giam. Non l'ho ancora assaggiato.
      Quest'anno raccolti scarsissimi, niente cetrioli, niente meloni, solo questo unico tortarello. Le piante di tortarello sono cariche di fiori ma non fanno frutti, gli altri tipi nemmeno fiori.

      Elimina
  11. SOS carosello: salve a tutti, quest'anno grazie ad Angelo ho avuto vari semi di carosello che sono stati piantati anche se leggermente tardi per le avverse situazioni atmosferiche. ora dopo aver visto le foto pubblicate sul blog è scoppiato il dilemma:i gatti fecero cadere il contenitore alveolato con le piantine di melone e carosello debitamente separate, che purtroppo uscirono dai fori e forse si sono confuse. ora nell'orto pensavo di avere diversi meloni in crescita mai frutti sono completamente pelosi. che siano caroselli? conoscete meloni che risultano coperti da peluria durante la crescita?che fare? assaggio? ( non vedo l'ora ............. )
    salutoni e buon orto a tutti.

    RispondiElimina
  12. Grazie Roberta per il lavoro di traduzione, porgo anche io il benvenuto ad Amaqueq, molto interessante il cetriolo e le notizie sulla zona di coltivazione, non è molto dissimile dalla mia infuocata terra...

    @ Claudia
    Quindi hai il famoso tortarello toscano!

    Magari Giam mi legge e potrebbe approfittare del periodo feriale per scrivere un bel post qui! Io l'invito lho fatto...

    @ Costruttore
    Qui da me si dice di un melone insipido che è un carosello venuto male però non tutti i meloni immaturi sono buoni caroselli! Magari le immagini che ho messo nei post potrebbero aiutarti al riconoscimento, se i frutti hanno la peluria sono quasi sicuramente caroselli!

    Angelo

    RispondiElimina
  13. thank you very much Roberta for translating
    very thoughtful of you
    here an partial answer for my own question regarding 4 cucumber melon types:
    the 3 tortarello types light, dark, striped, are very good and I'm growing them every year
    tortarello light is early, very firm, and steady producer
    tortarello dark is mid early, firm, it is steady producer as well
    tortarello striped is late, crunchy yet easy to chew, he don't like to have
    more than two cucumbers on the vine at the same time and take a vacation between cucumber to
    cucumber.
    all tree are very good to eat fresh, the light one can be also stir fried
    or cut to slices and put in vinegar or other seasoning. (personal opinion)

    as for the Carosello Barese I'm not sure, it is better than regular cucumber
    but in comparison to the tortarello he will only get the last place
    sometimes when not watered enough the cavity he develops inside can hold really earthy aroma
    which do not combine very well with the rest of its flavors
    I heard in few places and also read in one of the articles published by Angelo
    (Angelo are you from the Heel of Italy's Boot?)
    that Spuredda scuro di Lecce and Spuredda bianco di Lecce are better tasting
    the seeds are also marketed trough emanuele larosa sementi and maybe others.
    for some reason the only carosello getting attention outside of Italy are the barese and maduria
    since those cucumbers are so easily cross pollinating
    I have suspected that there are tasty delicate varieties only known locally at Puglia
    and the Carosello Polisello must be one of them, is it F3?
    If it is good tasting I would be interested to try it, and if it is for the sake of seed saving
    I can grow it isolated and send seeds of selected ones back next autumn
    that is also the case for other tasty cucumber melons as well
    Thank you Angela for the links you provided
    the GARDEN WITHOUT WATER link is showing
    something very similar to improvised buried micro drip irrigation system
    I'm using commercial version of that system
    it save lots of water and help to keep plant stems dry and healthy
    but unless keeping the soil surface where the roots are constantly moist
    (which means spending lots of water even with buried drip systems plus extra mulching)
    it dose not solve the bitter cucumbers issue
    shed net or Intercropping with other trees who provide shade can help a lot
    but open field conditions are different
    some plants don't like it to hot and in that aspect the melon cucumbers
    are posing an excellent alternative to regular cucumbers in open field at hot climate
    today for example it is not very hot, the midday soil temperature in open field at 1 cm depth measured 63C
    in order not to get compote from cucumber melons I save for seeds I'm covering them partially with straw

    since it is not polite to write in English at Italian speaking forum I'll stop here
    if interested tel me where to send the seeds to
    and also tell if something specific is desired

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PRIMA PARTE DELLA TRADUZIONE

      Amaqeq:
      "Riporto di seguito una risposta parziale alla domanda che mi sono posto da solo, per quanto riguarda i 4 tipi di melone-cetriolo:
      I 3 tipi di tortarello chiaro, scuro, a righe, sono molto buoni e li sto coltivando ogni anno.
      - Il tortarello chiaro è precoce, molto sodo e un produttore costante;
      - Il tortarello scuro è medio-precoce, sodo ed anche lui è un costante produttore;
      - Il tortarello a righe è tardivo, croccante ma facile da masticare; non gradisce che ci siano più di due piante sul viticcio allo stesso tempo ed ha bisogno di uno spazio tra un cetriolo e l'altro.

      Tutti e tre sono molto buoni da mangiare freschi, quello chiaro può essere fritto o tagliato a fette e messo sotto aceto o sotto altre conserve (opinione personale).

      Per quanto riguarda il carosello Barese non sono sicuro se sia meglio di un normale cetriolo, ma paragonandolo al tortarello va all'ultimo posto.
      Alcune volte, se non irrigato abbastanza, le spaccature che sviluppa all'interno danno luogo a un sapore terroso che non si abbina molto dignitosamente al resto del suo sapore.

      Ho sentito in alcuni luoghi ed anche letto in alcuni degli articoli pubblicati da Angelo (Angelo, stai nel tacco dello stivale d'Italia?) che lo Spuredda Scuro di Lecce e lo Spuredda bianco di Lecce sono i migliori per gusto.

      I semi sono anche venduti da alcune sementiere...
      Per varie ragioni gli unici caroselli che ottengono attenzione fuori dall'Italia sono il Barese ed il Manduria.

      Poichè tali cetrioli si impollinano facilmente tra di loro ho ipotizzato che esistono gustose varietà note solo in Puglia, e che il Carosello Polisello deve essere uno di questi, è un F3?

      Se è buono di sapore sarei interessato a provarlo e se è per il bene della conservazione delle sementi, lo posso coltivare in una posizione isolata e inviare i semi selezionati il prossimo autunno.

      "L'orto senza acqua" mostra qualcosa di molto simile ad un improvvisato sistema sotterraneo di micro-irrigazione a goccia. Io uso una versione commerciale di questo sistema. Assicura molta acqua ed aiuta a tenere i rami delle piante asciutti e in salute"

      ....La seconda parte domani o ... se qualcuno ha voglia di tradurre, si faccia avanti ... Enrico, che ne pensi?

      Elimina
    2. Mio tentativo, ma non sono molto convinta:

      ...
      ...risparmiare molta acqua e aiuta a mantenere la pianta asciutta e in salute, ma a meno che non si mantenga (umida anche?) la superficie del terreno in cui le radici sono costantemente umide (il che significa consumare parecchia acqua, anche con sistemi a goccia interrati ed abbondante pacciamatura) non si risolve il problema dei cetrioli amari. Una rete ombreggiante o la consociazione con altre piante che offrano ombra può aiutare molto, ma in pieno campo le condizione sono diverse: ad alcune piante non piace il caldo e sotto questo aspetto i cetrioli-melone forniscono un'ottima alternativa ai cetrioli comuni in pieno campo con clima caldo.
      Oggi per esempio non è molto caldo, la temperatura del terreno a mezzogiorno in campo aperto a 1 cm di profondità è stata di 63C.
      Per evitare di ottenere composta di cetrioli-melone e per salvare i semi li sto coprendo in parte con paglia. Dato che non è educato scrivere in inglese su un forum di lingua italiana mi fermo qui, se interessati ditemi a chi inviare i semi e se desiderate qualcosa in particolare.

      Elimina
    3. In attesa di traduzione, il mio inglese fa pena... Grazie!

      Anche i tortarelli sono molte varietà, i pugliesi, gli abruzzesi, i sardi, ecc.

      Il carosello Barese andrebbe colto quando è piccolo altrimenti perde la sua bontà rapidamente, la cosa non accade per il mezzolungo barese ed il mezzolungo di Polignano, quest'ultimo è il migliore per sapore.

      I due caroselli leccesi sono buonissimi, specie lo scuro

      I semi in vendita dalle sementiere sono una piccola parte delle varietà di caroselli coltivati in Puglia, ci sono molte varietà locali "stabili" e molte ne avvengono tuttora, spontanee o indotte. Poi ve ne mostrerò qualcona in foto.
      Il Polisello non è un F3, è una varietà tipica del Gargano, San Paolo di Civitate per l'esattezza, di là ho ricevuto i semi. Invio a chi interessano i semi, ho disponibili sia quelli ricevuti (sono ancora buoni!) che i "miei", per la purezza vi rimando ai post di Jay.

      Il mio orto non viene MAI irrigato, non ci sono tubi sotteranei e non si pacciama mai, si sarchia in superficie e basta. In questi giorni Matera è stata una delle città più calde, +42° di giorno e +30° di notte, io sono a 10 chilometri...

      Le mie piante di caroselli sono rigogliosissime e cariche di fiori e frutti, raccolta giornaliera di una decina di chili.

      Per i semi del Poona Kheera sarebbe giusto chiedere l'invio ad un solo destinatario che dovrebbe poi smistarli agli altri, non dobbiamo abusare della generosità di Amaqeq!

      Angelo

      Elimina
    4. Provo a tradurre :3

      @Amaqeq
      I've tried to translate what Angelo wrote above:

      "There are a lot of varieties of 'tortarelli': Apulian, Sardinian, from Abruzzi,
      etc.

      The 'carosello barese' should be picked up when it is small,
      because it loses its good taste quickly. That doesn't apply to the
      'carosello mezzolungo barese' and to the 'mezzolungo from Polignano'.
      The last one is the best type of carosello for its taste.

      The two 'caroselli leccesi' are very good, especially the dark one.

      In seedshops you can buy only a few varieties of seeds.
      The varieties of caroselli grown in Apulia are many more.
      There are a lot of stable local varieties and many other varieties which still
      come up, either self-sown or induced. I'll show you some
      photos of them.
      The 'polisello' isn't an F3. It is a typical variety from San Paolo
      di Civitate in the Gargano area. I have received the seeds from there. I can send the
      seeds to anyone is interested in. I have got both the ones I received and
      the ones I have produced myself. As for the purity of the seeds please see Jay's post.

      My vegetable garden is NEVER watered, there are no underground pipes and I never mulch. I only hoe the surface, that's all. Also these days Matera
      has been one of the hottest city in Italy, +42°C during the day and +30° in the night. My place is 10 Km far from Matera.

      My caroselli plants are luxuriant, in bloom and bears lots of fruits. I harvest 10 kgs a day.
      As for Poona Kheera seeds it would be fair to send them to one person who will be in charge of sending them to the others. We can't take advantage of Amaqeq's generosity!

      Angelo"

      Elimina
  14. Scusate ragazzi ma ero a lavoro e non potevo fare la traduzione. Tutto ok
    Ma infatti ho trovato anche io difficoltà a tradurre le prime righe. La traduzione migliore per capire è che usando sistemi di micro irrigazione interrati aiuta a salvare tanta acqua almeno che non si mantiene la superficie del terreno costantemente umida considerando che li crescono le radici. Ma per garantire che la superficie resta umida bisogna usare più acqua del solito ( anche con il micro irrigazione interrelato) e la pacciamatura. Il resto è tradotto

    RispondiElimina
  15. primo raccolto e assaggio, direi veramente buono.gusto fresco e sodo con un debole retrogusto di melone invernale, leggermente dolciastro.nel mio orto il carosello ha a disposizione un buon terreno letamato e una adeguata irrigazione ma viste le temperature estremamente calde alcuni pomeriggi l'ho trovato sofferente nel fogliame, e pensandoci mi chiedo come possa essere coltivato in asciutta. sono molto interessato al cetriolo Poona Kheera di cui vorrei poter disporre di alcuni semi per il prossimo anno, quindi invito qualcuno degli amici che traducono le mail di Amaqeq di girare cortese richiesta di semi. un grazie al blog e ad angelo per la diffusione di culture e varietà orticole.

    RispondiElimina
  16. Hi Friends
    Thank you Angelo for your insight
    that information for me is priceless and very hard to find.
    For a reason beyond my understanding melon cucumbers
    are not advertised or grown outside of Italy
    at least not that I’m aware of
    they are so tasty and relatively easy to grow
    many searches in the internet on that subject are referring to your
    Blog and articles.

    In desert like climates you can find gardeners which are fond of
    the regular Armenian cucumbers
    however most of them are not aware of the broad assortment
    of taste shape and color that variety can provide.

    where I live in that season as you mentioned earlier
    We can probably share the thermostat readings
    the only hours nice to sleep without air conditioning
    are the early morning hours
    while the dew drops are at their fullest

    The only survivor plants are those having thick roots
    which grows and catch groundwater.
    thick roots are needed because the heavy clay soil
    will crack very deep
    and while cracking it will tear delicate roots
    and create stone hard chunks disconnected from the rest of the soil
    capturing the plants in an dry hard soil mass surrounded by hot air
    from all sides.
    even the related local “Squirting Cucumber” will disappear
    from the fields at that season
    We are also hoeing the ground, adding organic matter
    and adding plaster to lighten it up
    the only survivor at that season is “Prosopis farcta”
    which is actually an underground tree
    and its roots reaching depth of over than 8 meter.

    Angelo what are you doing with 10 kilograms of cucumbers per day
    are you giving them away to a big family and friends pickling them
    or growing many vegetables for the market and restaurants

    Francisca Thank you very much for translating
    I’m appreciating your efforts very much
    and feeling embarrassed for causing so much trouble.

    will someone volunteer to share his address or email
    so I’ll be able to send seeds as Angelo suggested
    I will also add lemon cucumber and others
    and if interested big jalapeno naga and scorpion pepper seeds

    RispondiElimina
  17. ecco la traduzione...
    ciao amici
    angelo grazie per l'idea. quella informazione per me non ha prezzo e molto difficile da trovare.
    per una ragione (che non riesco a capire)i caroselli non sono conosciuti o coltivati al di fuori dell'italia, per quello che io so.
    sono cosi saporiti e molto semplici da coltivare. tutte le ricerche che ho fatto su internet a riguardo si riferiscono al tuo blog and ai tuoi post.

    nelle zone con clima tipo deserto, puoi trovare contadini che amano il regolare cetriolo armeniano, comunque molti di loro non sono a conoscenza del vasto assortimento di cetrioli di diverso tipo sapore e colore.

    dove vivo, in quella stazione menzionata in precedenza, noi possiamo condividere le temperature e le uniche ore buone per dormire senza aria condizionata sone le poche ore del mattino mentre la brina scende al sua massimo ( una mia nota: un po' confuso ma penso che intende prima dell'alba quando l'aria e' molto fresca)

    le uniche piante che soppravivono sono quelle che hanno radici doppie e che crescono e assorbono acqua in profondita.
    le grosse radici sono neccessarie perche il terreno cosi argilloso si spacca molto in profondita' e quando s spazza rompe le radici piu' delicate e creando pezzi di terra troppo duro e scollegate dal resto del suolo lasciando le piante in una massa solida e asciutta di terra circondata da aria calda da tutte le parti.
    anche la varieta locale " squirting cucumber" sparisce dai campi in quella stagione.
    per di piu' noi stiamo hoeing (nota: non so come tradurla in italiano ma e' quando si passa un tipo di rastrello per eliminare le erbacce in superficie e rendere la superficie piu' soffice per evitare le crepe) e aggiungendo tanta materia organica per allegerire il terreno e l'unica pianta che soppravive in quella stagione e' il prosopis farcta che e' un albero sotteraneo di cui radici raggiungono e passano gli 8 metri d profondita...
    angelo che ci fai con 10 kg di caroselli al giorno?
    li regali ai parenti e amici, li metti sottoaceto o coltivi tanti vegetali per il mercato e ristoranti?

    francisca grazie mille per le traduzioni, apprezzo molto il tuo sforzo e mi sento cosi' in imbarazzo causando cosi tanti problemi.

    c'e' qualcuno che volentieri mi darebbe l'indirizzo o l'email di angelo cosi potr' mandare i semi a lui come ha suggerito?
    aggiungero anche dei semi di lemon cucumber e altro e se siete interessati a big jalapeno , naga e scoprion pepperoncini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Enrico,
      avevo appena finito di tradurre quando ho visto che avevi già pubblicato la tua traduzione.

      @Amaqeq e per tutti gli altri....
      Ho abilitato la funzione di traduzione, in fondo alla colonna di destra.
      Potete scegliere la lingua che preferite... si possono leggere in italiano anche i commenti lasciati in inglese. La traduzione non è proprio così leggibile, ma è meglio di niente.

      Amaqeq non ti sentire in imbarazzo... per noi tutti è un vero piacere poter interloquire con amici di altri paesi che hanno esperienze coltivative interessanti.

      I nostri indirizzi e-mail (di Angelo/angelop, Roberta/arvalia e Giovanni/Orto delle Piane li puoi trovare qui:

      http://amicidellortodue.blogspot.it/p/contatti.html

      Roberta

      Elimina
  18. grazie enrico e arvalia
    Mi metterò in contatto uno di quei indirizzi e-mail
    ci sono altri semi vi interessano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quali semi di quali altre varietà di ortaggi hai? Puoi trovare la nostra lista dei semi qui:
      http://amicidellortodue.blogspot.it/p/lista-dei-semi.html

      Ci sono anche le e-mail degli altri amici che fanno lo scambio.

      Roberta

      Elimina
  19. Grazie a tutti i gentilissimi traduttori ed all'efficientissima Roberta!

    Amaqeq non devi sentirti in imbarazzo, è un piacere leggerti e tutti apprezziamo i tuoi preziosi consigli e le tue esperienze! Poi sono io quello in difetto, non trovo un pò di tempo per imparare L'Inglese, sono rimasto al "the cat in on the table, the dog is under the table..." Ma quest'inverno studierò, a costo di legarmi alla sedia come l'Alfieri!

    Sono d'accordo con te con la bontà di tutti i caroselli e che meritano di essere più conosciuti, ora siamo in tanti a coltivarli in tutto il mondo e presto non sarò più il solo a citarli in rete!

    I dieci chili di caroselli giornalieri fanno felici famiglia ed amici, il vero problema è smaltire i venti chili al giorno di zucchini!

    "Ad sal, ad mel, ad piper, semper cucurbita est!"
    (Vediamo Google come traduce questa!)

    Nei prossimi giorni arriva un post con novità in tema di caroselli.

    Angelo


    RispondiElimina
    Risposte
    1. 20 kg di zucchine? io massimo 2-3 zucchine a settimana....non vedo l'ora di avere l'orto dal comune... speriamo sia presto...

      Elimina
    2. Ma come fai ad avere tutte quelle zucchine? Qui da me quest'anno niente zucchine. Avevo tante piante bellissime che però non riuscivano a portare a termine neanche un frutto. Le zucchinette ingiallivano prima di aprire il fiore. Alla fine mi sono mangiata le foglie.

      Ho sentito anche altri che hanno lo stesso problema quest'anno. Va beh, io gli do pochissima acqua e può essere stato quello, ma gli altri gliene danno in abbondanza, ma niente!! eppure tu coltivi in asciutto... che tristezza!!!

      Mi prenoto per semi di zucchina da provare in asciutto...

      Elimina
    3. Mi associo ai meravigliati. 20 kg di zucchine non li raccolgo in tutto l'anno.

      Elimina
    4. So che mi odierete per quanto sto per dirvi ma il problema zucchine si è risolto... Posso confermare che l'annata ortiva 2012 è stata disastrosa ma non per tutto. Le ottanta piante di zucchino presenti in uno degli orti a secco hanno dato quintali di frutti, ora per riprendere la produzione avrebbero dovuto essere mondate ma, visto che tutti avevamo l'incubo-zucchino per troppa abbondanza, ho fatto un raccolto di "tenerumi" ed estirpato. Tra poco la produzione di 20 piante dell'altro orto a secco darà un raccolto più sostenibile... Metterò poi un pò di foto!

      Qui da me la siccità di quattro mesi e temperature di oltre 40° gradi sono normali, i problemi alle piante di zucchino o di fagioli, ad esempio, non vengono da mancanza d'acqua, visto che anche chi irriga non raccoglie nulla! Un vento rovente come un phon acceso brucia le foglie, i fiori non allegano... Bisogna adottare strategie alternative, i nostri nonni le conoscevano bene!

      Angelo


      Elimina
    5. Aspettiamo di conoscere le strategie alternative e di vedere le foto ...

      R.

      Elimina
  20. Arvalia OK great, after reading trough the seed lists
    if there is something nice to add I will do so
    You answered my question

    Angelo you probably have very happy neighbors.
    it seems Google is translating your words well
    but I get the filling he is missing your sense of humor.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Amaqeq, ho vicini e parenti molto felici, hanno imparato a gustare anche ortaggi insoliti come patate nere, zucchino giallo, melanzane bianche...

      Un computer avrà un cervello molto più veloce e completo del nostro misero gruppo di neuroni ma l'ironia gli sfugge!
      Thank you!

      Angelo

      Elimina